Non c’è alcun dubbio: l’oggetto del ventunesimo secolo è proprio lui, Sua Maestà lo smartphone. In alcuni casi, però, la tecnologia fa ancora fatica a soppiantare le care vecchie abitudini.

Non c’è alcun dubbio: l’oggetto del ventunesimo secolo è proprio lui, Sua Maestà lo smartphone. Che ci piaccia o no, quello che una volta chiamavamo semplicemente “cellulare” o “telefonino” è ormai diventato un’estensione delle nostre capacità sensoriali, capace di portarci in pochi istanti da una parte all’altra del mondo, di accrescere le nostre conoscenze, di informarci e tenerci in contatto con i nostri affetti. In alcuni casi, però, la tecnologia fa ancora fatica a soppiantare le care vecchie abitudini.

Carta o supporto digitale?

Agenda
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/ordine-del-giorno-libro-calendario-3991875/

Un esempio è quello della carta, mai davvero interamente sostituita dal supporto digitale. Quante volte vi sarà capitato di dover prendere un appunto in fretta e furia e di preferire quasi inconsciamente, cercando nella borsetta, un bloc notes e una penna alle app del nostro smartphone? Non siete sole, e non è soltanto una questione di vecchie tradizioni che fatichiamo a superare. La carta si conferma (ancora) di più immediato utilizzo: perché siamo certamente più rapide a scrivere su un foglio che non a digitare su una piccola tastiera touchscreen, ma anche perché non richiede elettricità, batterie –quasi sempre scariche nel momento del bisogno – connessione a internet o ricezione.

Insomma, niente di nuovo sotto il sole. Tanto che, nel mondo del lavoro, sono ancora moltissime le persone che preferiscono ancora affidarsi alle agende cartacee piuttosto che a quelle digitali di Google Calendar, iCal o altre applicazioni analoghe. O che, quantomeno, affiancano allo smartphone – che certo ha i suoi pregi come le notifiche e i promemoria sonori, ma anche il fatto di essere davvero sempre a portata di mano – la “vecchia” carta. Una regola che vale anche e soprattutto per le donne che usano la borsa e che, dunque, possono più facilmente portare sempre con sé carta e penna.

La riprova è nel fatto che, nonostante l’evoluzione tecnologica e l’entrata in commercio di agende ibride, con penne intelligenti che trasferiscono al cellulare i nostri appunti, anche nel 2020, tante aziende e professioniste ricorrono ancora alla realizzazione di agende personalizzate con i propri loghi e contatti. Che, specialmente in vista del Natale e dell’arrivo del nuovo, rimangono ancora tra i regali preferiti e più richiesti dai clienti.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/ordine-del-giorno-libro-calendario-3991875/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-10-2020


Claudia Schiffer “Barbie della realtà”: l’omaggio alla modella per i suoi 50 anni

Kuiri, arrivano le cloud-kitchen: la nuova frontiera del food delivery