La storia di Christian Dior, stilista del New Look

Tra i grandi nomi dell’haute couture francese c’è lo stilista di alta moda, scarpe e borse Christian Dior: ecco la sua storia e la nascita dello storico brand.

Volti vecchi, volti nuovi: la moda come il tempo non aspetta nessuno e va sempre avanti. Ma questo non significa che non possiamo prenderci un momento per ricordare chi l’ha resa ciò che è: Christian Dior ne è un vero e proprio pilastro.

Nato il 21 gennaio 1905 (Acquario) a Granville, in Francia, è figlio di un produttore di fertilizzanti, e in soli 10 anni è riuscito a riscrivere la storia della moda. Il suo periodo di attività, infatti, è piuttosto breve: il 24 ottobre 1957 fu trovato morto nella sua camera d’albergo a soli 52 anni, vittima di un collasso. Scopriamo la sua storia!

La carriera di Christian Dior

Trasferitosi a Parigi con i genitori e i 4 fratelli, per fare contento il padre, studia per diventare diplomatico. Ma il suo interesse per l’arte lo porta ad aprire una galleria, che in pochissimo tempo si ritrova ad esporre pittori del calibro di Georges Braque, Jean Cocteau e Pablo Picasso.

Purtroppo sarà costretto a chiuderla a causa del crollo finanziario del padre e per mantenersi inizia vendere i suoi disegni e bozzetti; nel 1935, diventa illustratore per Figaro. Due anni dopo inizia il suo percorso nella moda sotto lo stilista Robert Piguet, ma il servizio militare incombe e Dior è costretto a combattere al fronte prima di ributtarsi a capofitto nella sua passione.

Dal 1942 Dior lavora per la stilista Lucien Lelong. Allo scopo di preservare l’alta moda francese, è costretto a disegnare abiti anche per le mogli dei nazisti nonostante la permanenza della sorella stessa in un campo di concentramento.

Dior
Fonte foto: https://www.instagram.com/dior/?hl=it

Dopo la sua liberazione, Dior fonda la sua maison che oggi vende abbigliamento e borse, come le celebri Lady Dior e la Diorever. L’atelier si affermerà poi anche per le scarpe Dior, a cui seguiranno anche i profumi e il makeup.

Dal 1947 al 1957, anno in cui morì a Montecatini, riesce a mettere in atto una vera e propria rivoluzione per gli abiti dell’epoca. Arrotonda le spalle, crea linee fluide e sfarzose, abiti ampi e pregiati. Carmel Snow di Harper’s Bazaar definisce il suo stile “New Look”: in passerella non vediamo più l’austerità e le linee rigide del periodo di guerra, ma leggerezza ed esaltazione del corpo femminile.

Venivamo da un’epoca di guerra e di uniformi, con le donne simili a soldati e con spalle da pugile. Io disegnai donne come fiori, con le spalle morbide, il busto pieno, la vita sottile come una liana e gonne a corolla“, spiegò lui nelle sue memorie.

Dopo la morte dello stilista il brand è entrato a far parte del colosso del lusso Lvmh; il direttore creativo del brand è Maria Grazia Chiuri.

La vita privata di Christian Dior: figli e

Christian Dior era gay; sappiamo che tra le sua amicizie ci fu il pittore e scenografo Christian Bérard, i musicisti del gruppo Les Six e che tutti i suoi amori furono gentili e taciuti.

L’attore Jean Ozenne fu il primo a credere il lui, ma per il resto nulla ci è dato sapere.

Non ha avuto figli e la sua vita è stata condotta dalla…superstizione (aveva anche una maga, Madame Delahaye, che consultava sempre).

Dior Couturier du Reve
Christian Dior

4 curiosità su Christian Dior

– Scrisse il suo “Piccolo dizionario della moda” su Woman’s Illustrated, un insieme di consigli di stile a puntate.

– “Il profumo di una donna dice molto di più della sua calligrafia”, era una delle sue frasi preferite.

– In occasione dei 70 anni della maison Dior il Musée des Arts Décoratifs di Parigi gli ha dedicato la mostra: Christian Dior. Couturier du Rȇve.

– Il profilo Instagram della maison è molto attivo e presenta tutte le campagne pubblicitarie  e i best seller del brand.

Fonte foto in copertina: https://www.instagram.com/dior/?hl=it

ultimo aggiornamento: 18-01-2019

X