Ogni donna è fatta a suo modo, per questo calcolare la prima ovulazione esatta dopo la sospensione della pillola risulta difficoltoso.

Si deve prima di tutto tenere presente che durante i primi tre mesi dopo la sospensione dei contraccettivi ormonali, le percentuali di concepimento sono più basse.

Questo perché il corpo – soprattutto se assuefatto per lungo tempo dagli ormoni – deve avere il tempo di smaltire. Ma niente paura, un dato medico certo è che dopo tre mesi dalla sospensione, la percentuale di concepimento ritorna ad essere la stessa delle donne che non usano estroprogestrinici.

Addirittura entro un anno dall’interruzione, circa l’85% delle donne che desiderano concepire, hanno infine ottenuto una gravidanza.

Bisogna quindi tenere presente che non è la durata d’uso dei contraccettivi ormonali come la pillola, nè il tipo di formulazione (ad esempio monofasica, trifasica ad alto o a basso dosaggio) assunta che influenza il ritorno alla fertilità. Non è possibile dunque prevedere in alcun modo quando ripartirà l’ovulazione e quanto tempo impiegherà il ciclo a tornare regolare.

Una certezza è che se lo era prima dell’assunzione, probabilmente tornerà alla regolarità iniziale.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-06-2014


Come organizzare un addio al nubilato divertente