Si era diffusa la notizia che le riprese di Bridgerton 2 fossero iniziata, l’attrice Nicola Coughlan l’ha però smentita.

Le riprese di Bridgerton 2 sono iniziate. Anzi, no. Dopo che si era sparsa la notizia che erano iniziati i lavori sul set della serie TV Netflix, una delle protagoniste principali, Nicola Coughlan (l’attrice che interpreta Penelope Featherington) ha però smentito spiegando che bisognerà ancora attendere per il primo ciak degli episodi della seconda stagione delle serie TV tratta dai romanzi di Julia Quinn. Ciò che comunque interessa ai fan è che Bridgerton presto tornerà su Netflix con la seconda stagione.

Bridgerton 2: le riprese non sono iniziate

La smentita di Nicola Coughlan circa il presunto inizio dei lavori di ripresa di Bridgerton 2 è arrivata su Twitter. “Non ancora! Parrucche e abiti sono ancora da realizzare ma presto!” ha cinguettato l’attrice interprete di Penelope Featherington.

Insomma, non bisognerà attendere comunque molto tempo prima che tutti i protagonisti di Bridgerton tornino sul set per iniziare a girare le puntate della seconda stagione.

Bridgerton 2: le anticipazioni

A differenza della prima stagione, non saranno né Daphne né il Duca di Hastings i protagonisti principali della seconda stagione di Bridgerton. Ma al centro della storia ci sarà il fratello di Daphne, Anthony: è lui infatti anche il protagonista del secondo volume della saga letteraria, Il visconte che mi amava.

“Penso di essere davvero pronto per questo. Dai libri ho saputo che c’è un futuro per Anthony, e quindi già nella prima stagione ho sfidato gli spettatori ad apprezzarlo come personaggio. Ha vissuto dei traumi, avuto responsabilità e non era emotivamente equipaggiato per affrontare quel livello di responsabilità” aveva dichiarato l’attore che interpreta Anthony nella serie TV, Jonathan Bailey, parlando dei nuovi episodi di Bridgerton.

TAG:
serie tv

ultimo aggiornamento: 16-03-2021


Outlander: ecco dove vedere la serie TV

Avatar, a 12 anni dall’uscita è di nuovo il film con il maggiore incasso di sempre: ecco perché