Cosa sono le bolle sulla pelle? Vediamo insieme perché compaiono sull’epidermide, quali sono i sintomi e le cure più efficaci.

Le bolle sulla pelle possono comparire a qualsiasi età, sia negli uomini che nelle donne. Le cause, però, possono essere diverse, così come il prurito che può anche non manifestarsi. Scopriamo insieme il motivo per cui si formano, i sintomi e le cure più efficaci.

Bolle sulla pelle: cosa sono?

Le bollicine sulla pelle hanno solitamente la forma di piccole sacche tondeggianti in rilievo e sono piene di liquido trasparente. Possono comparire in zone diverse del corpo e hanno differenti cause. Generalmente, quelle di diametro inferiore ai 10 millimetri vengono definite vesciche, mentre quelle inferiori ai 5 millimetri sono chiamate vescicole. Quando, invece, il diametro supera i 10 millimetri si parla di vere e proprie bolle cutanee. Al loro interno c’è un liquido che, se si presenta torbido e non limpido, avvisa che è presente del pus. In questo caso, si tratta di pustole.

Le bolle sul corpo hanno diverse cause: scottature e ustioni dovute a un’esposizione eccessiva al freddo o al sole, traumi da attrito o sfregamento della pelle sensibile, contatto con sostanze irritanti o allergeni, utilizzo di farmaci o cosmetici, punture di insetti, infezioni virali e malattie autoimmuni. Inoltre, possono presentarsi in modo singolo o raggruppato. Generalmente sono accompagnate da prurito, irritazione, dolore e arrossamento.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

braccio prurito
braccio prurito

Bolle d’acqua sul corpo: sintomi e cure

Quando vi accorgete di avere bolle bianche sul corpo, la prima cosa da fare è chiedere il parere di uno specialista. Soltanto un medico, infatti, può indicare la cura giusta. Avendo tante cause, questa problematica non prevede un trattamento che può andare bene per tutti. Pertanto, ogni caso è a sé e merita una corretta diagnosi. Per quanto riguarda i sintomi, ce ne sono alcuni più frequenti: prurito o prurito intenso, arrossamento, bruciore, irritazione, desquamazione, formicolio, sanguinamento, incrostazioni e gonfiore. Oltre alle bolle pruriginose, possono comparire anche puntini rossi molto visibili che, oltre ai sintomi sopracitati, possono provocare un certo imbarazzo.

E’ bene sottolineare ancora una volta che quando si hanno bolle su tutto il corpo è bene consultare con urgenza un dermatologo. In alcuni casi, infatti, la problematica può essere accompagnata da psoriasi o dermatite, ma anche da altre patologie molto più serie. Inoltre, anche se la tentazione è grande, ricordatevi che le bollicine non vanno mai rotte. Tentando di sgonfiarle e fare uscire il liquido, rischiate di provocarvi una brutta infezione. Invece, quando la rottura avviene in modo accidentale, fate attenzione a non togliere la pelle perché questa protegge dai batteri esterni.


Dieta dei calciatori: cosa sapere e alcuni suggerimenti da adottare

Cosa sono e come si riconoscono i funghi della pelle