La dieta dei calciatori parte dal pasto più importante: la colazione, vediamo alcuni suggerimenti utili ed esempi su cosa mangiare.

La dieta dei calciatori è fondamentale per la loro preparazione sportiva e un’alimentazione corretta è in grado di fare la differenza per riuscire a raggiungere risultati ottimali durante l’allenamento. In chi fa sport regolarmente e nello specifico nel calciatore, la dieta ha il ruolo di garantire il giusto apporto energetico tale da compensare i consumi e garantire le prestazioni migliori. Vediamo quali sono gli alimenti che non possono mancare e quali cibi, invece, andrebbero evitati.

Dieta del calciatore: prima dell’allenamento

Per una sana alimentazione ci sono regole fondamentali che devono guidare la dieta nei momenti cruciali, ovvero nelle fasi di preparazione alla partita e nelle fasi successive per garantire il recupero. L’alimentazione del calciatore nel pre-partita deve puntare per prima cosa verso un pasto digeribile. Questo significa che si deve optare per un pasto dal contenuto di grassi contenuto, sono da evitare, quindi, pasti a base di carni grasse, insaccati, latticini e condimenti eccessivi (come burro e margarina).

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Digiuno
Digiuno

Allo stesso modo oltre ai grassi bisogna stare attenti anche all’apporto di zuccheri, in particolar modo quelli semplici. Una condizione da evitare è il digiuno, che può condurre a carenze di zucchero e al cosiddetto quadro ipoglicemico con conseguente sensazione di stanchezza. D’altra parte però anche il quadro opposto, con un eccesso di zuccheri semplici è da sconsigliare. Su cosa bisogna puntare allora? I carboidrati complessi, più facili da digerire e in grado di dare le energie necessarie ad affrontare lo sforzo fisico.

Colazione del calciatore

Le regole per la colazione dipendono dall’orario in cui si dovrà affrontare l’allenamento o la partita. L’ideale è fare una colazione abbondante ed energetica, ma per farlo bisogna considerare che si dovrà aspettare almeno 2 – 3 ore prima dell’attività fisica. Una colazione abbondante può essere tipicamente composta da latte o yogurt (per dare le proteine necessarie), fette biscottate con marmellata e succo d’arancia o una porzione di frutta fresca. È sempre preferibile non saltare mai la colazione o trascurarla, non solo quando l’allenamento (o la partita) è al mattino, ma anche negli altri casi.


Come si riconosce il mal di testa da cervicale?

Bolle sulla pelle, cosa sono e perché non vanno mai scoppiate