Bacio, passione contagiosa: in 10 secondi si passano 80 milioni di batteri


5 errori da evitare in palestra

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori della Netherlands Organisation for Applied Scientific Research rivela che sono circa 80 milioni i batteri di 700 varietà diverse che possono essere trasmessi con un bacio sulla bocca di una decina di secondi.

Il numero di batteri che possono transitare da una bocca all’altra è proporzionale all’intensità della passione: più un bacio è lungo e profondo, più aumenta il rischio di contaminazioni presente anche nei cibi.

A fotografare questo invisibile potere del bacio sono i ricercatori olandesi, autori di una ricerca su “Microbiome”. Il team ha monitorato le effusioni di 21 coppie, scoprendo anche che quelle che si baciavano almeno 9 volte al giorno erano più inclini a scambiarsi batteri salivari. Gli studi suggeriscono che la nostra bocca può ospitare oltre 700 tipi diversi di batteri, ma secondo l’indagine con un bacio alcuni si scambiano più facilmente di altri.



Il team della Netherlands Organisation for Applied Scientifica Research ha chiesto a 21 coppie una serie di dettagli sulle loro abitudini al bacio, inclusi tempi e durata media di ogni effusione.

I ricercatori hanno poi preso campioni batterici dalla lingua e dalla saliva dei volontari, prima e dopo un bacio di dieci secondi, strettamente cronometrato.



Poi, prima di un secondo bacio, uno dei componenti di ciscuna coppia ha bevuto un drink probiotico contenente una miscela facilmente identificabile di microrganismi. Così. dopo l’effusione, gli scienziati hanno potuto rilevare il volume di batteri trasferiti al compagno o alla compagna: in media 80 milioni in pochi secondi.

Ma baciarsi non è in fondo così negativo: lo studio olandese ha difatti dimostrato per converso che baciarsi può essere utile a rafforzare il sistema immunitario. Il team di studiosi olandesi ha avuto modo di notare che le coppie che condividono la microflora per via orale finiscono tendono ad assomigliarsi anche per quanto riguarda la popolazione batterica, un aspetto che le rende più resistenti alle malattie.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 18-11-2014

Emanuela Bertolone

Per favore attiva Java Script[ ? ]