Crisi di coppia: i 5 campanelli d’allarme

Quali sono i segnali che dovrebbero farci capire che si è nel pieno di una crisi di coppia? Dalla scarsa comunicazione al calo del desiderio, ecco i consigli dell’esperto su come riconoscere “l’inizio della fine”

chiudi

Caricamento Player...

Il primo segnale dell’arrivo della crisi di coppia è la scarsa comunicazione: Parlate poco e non provate piacere a farlo? Potrebbe essere la prima spia che le cose non vanno bene. “Questa dinamica indica infatti che non si è presenti all’interno della relazione”, specifica l’esperto Enrico Gamba. D’altro canto, anche parlare solo di questioni operative e relative alla quotidianità, trascurando argomenti più profondi e connessi all’interiorità, non è un buon segno.

Un altro segnale preoccupante è il poco tempo passato insieme dalla coppia. “Se non si nutre la voglia di trascorrere del tempo di qualità insieme e se non si condividono più bisogni e desideri allora forse potrebbe essere il caso di fermarsi e di riflettere”, commenta l’esperto. Stesso discorso se nei momenti liberi ciascuno pianifica da solo il proprio tempo, organizzandosi autonomamente.

“Non è un buon segno neppure pensare che l’altro dovrebbe essere diverso e cercare di cambiarlo. È un elemento che indica che le cose non vanno bene”, spiega Gamba. Perché sottintende la mancanza di affinità con il partner. “Con il risultato di sentirsi soli o come due estranei che vivono insieme, un indicatore che la coppia non sta crescendo insieme”. Occorre invece cercare di vivere momenti di dialogo attivo, dandosi anche dei feedback rispetto a quello che l’altro ha detto.

Un altro aspetto che indica fronti temporaleschi sulla coppia è la scarsa affinità e complicità in ambito sessuale. Insieme al calo del desiderio e alla voglia ricorrente di avere altri partner. “Una mancanza di intesa che rappresenta una spia dell’assenza di comunicazione”, osserva l’esperto.

Infine, litigare è normale e, nelle giuste dosi, serve anche a mantenere viva la relazione di coppia. Ma se il rapporto diventa un vortice soffocante di discussioni, scatenate oltretutto sempre dagli stessi motivi, è bene fermarsi a riflettere per capire quali sono le ragioni che impediscono la comunicazione e che portano a non voler più accettare compromessi.