Avvocato offre 150 animali per avere in moglie la figlia di Obama

Settanta montoni, cinquanta mucche e trenta capre: è questo il prezzo proposto a Barack Obama per la mano di sua figlia Malia

chiudi

Caricamento Player...

Felix Kiprono, avvocato keniota, fa sul serio quando dice di voler sposare Malia, la figlia maggiore di Barack Obama: l’uomo avrebbe offerto al presidente degli Stati Uniti D’America, 150 capi di bestiame per la mano della sua primogenita Malia.

Leggi anche: Michelle Obama si è rasata i capelli?

La bizzarra proposta di matrimonio, rimbalza sui media di tutto il mondo mentre il presidente Obama cerca di ignorarla con eleganza. Felix Kiprono, giustifica così la sua offerta:

“Sono interessato a Malia sin dal 2008. Da allora non sono mai andato nemmeno ad un appuntamento con un’altra donna, perché ho deciso di esserle fedele. Ne ho anche parlato alla mia famiglia, che è pronta ad aiutarmi a pagare il “prezzo” per la sposa.”

Nel caso la proposta non fosse abbastanza per il presidente Obama, l’avvocato si è detto pronto a scrivergli una lettera per confermargli che il suo è “amore vero”.

“Sto preparando una lettera per Obama chiedendogli di farsi accompagnare da Malia nel suo viaggio. La consegnerò all’ambasciatore americano, con cui sono già entrato in contatto diverse volte. Se il matrimonio si farà non festeggeremo con champagne, ma offrirò il “mursik”, bevanda tradizionale a base di latte cagliato. Sarà la mia regina e le avvolgerò al capo una corona di sinendet, una pianta sacra.”

La vita di Malia Obama si prospetterebbe all’insegna dell’agricoltura e della pastorizia:

“Le insegnerò come si munge una mucca, come vuole la tradizione. Le insegnerò tutto quello che mi è stato dato, vengo da umili origini ma prometto anche di non farle mancare nulla.”

Dalla Casa Bianca, il Presidente Barack Obama non ha fatto sapere nulla, ovviamente: si tratta di un uomo squilibrato che verrà elegantemente ignorato.

Obama e figlia