Angelo Marani autunno inverno 2017: sfilata omaggio alla tradizione di famiglia e citazioni di cuore

Angelo Marani autunno inverno 2017 presenta la sfilata come un omaggio alla tradizione di famiglia e alle citazioni di cuore.

chiudi

Caricamento Player...

Angelo Marani autunno inverno 2017 ha presentato la sfilata della nuova collezione a Palazzo Serbelloni come un omaggio alla tradizione di famiglia e alle citazioni di cuore. Giulia Marani ha interpretato e concluso la collezione iniziata dal padre, lo stilista Angelo Marani, morto all’improvviso lo scorso gennaio, con la sua freschezza ed energia.

Angelo Marani autunno inverno 2017

Angelo Marani autunno inverno 2017 propone un omaggio alla tradizione di famiglia ma con lo sguardo rivolto al futuro.

Il filo conduttore è il tema patchwork, come fusione e sintesi di creatività e abilità tecniche e stilistiche di Angelo Marani.

Sperimentazioni con cui ha ottenuto lavorazioni uniche ed originali di tessuti e filati.

Sfilano gonne plissé in tessuti diversi come il velluto e la georgette di seta abbinati tra loro.

Fra movimenti sinuosi e fruscianti si notano tecniche speciali di lavorazione o particolari trasparenze termosaldate.

In abbinamento maglie oversize con intarsi in filati differenti e colorati.

Abiti scivolati in seta o velluto stampato geometrico, con linee pulite, nei colori giallo, oro, rosso carminio e blu ottanio.

Abiti in maglia stretch con motivi a rete, drappeggi morbidi che danzano con leggerezza sul corpo, per una femminilità elegante e fluida.

Anche il logo è un patchwork di lettere in velluto ricamato presente su diversi capi della collezione.

A queste creazioni molto femminili si uniscono capi ispirati dal guardaroba vintage personale di Angelo Marani.

Come il cappotto in maglia dal taglio maschile ma avvolgente e comodo come una vestaglia.

O come la giacca in vernice ed i “tailleur da uomo” ma in tessuto jacquard maculato e fiorato.

Il chiodo e il gilet in scuba di velluto liscio, la nuova versione del montone e della pelle.

Molto bello il maxi cappotto impreziosito da un patchwork di ricami in perle e pailettes ed intarsi stampati.

Tocco ironico del brand, i cappucci in velluto con zip ed interno in pelliccia ecologica, bordati di mongolia, che aperti diventano grandi colli.