Ana Laura Ribas rivela che a 50 anni lascerà il suo toy boy, perchè non vuole un badante

La showgirl brasiliana Ana Laura Ribas spiazza tutti con la sua dichiarazione: “Non voglio che Marco diventi il mio badante”

chiudi

Caricamento Player...

Ana Laura Ribas e Marco Uzzo sono felicemente insieme da 5 anni, ma tra loro ci sono 17 anni di differenza che, secondo la showgirl, creano qualche problema.

Leggi anche: Ana Laura Ribas alla Seredova:”Sei la moglie più bella del calcio”

A detta sua, Ana Laura Ribas sa benissimo cosa fare in futuro: a 50 anni spaccati lascerà Marco perchè lo ama troppo e non vule che si ritrovi con il peso della sua vecchiaia addosso.

Ora Ana Laura Ribas ha 47 anni, ma sembra convintissima della sua idea, e lo fa per il bene del suo giovane amore, Marco. Lo ha confessato lei stessa in un’intervista a Chi, in cui ha spiegato che non si illude che il loro amore possa durare per sempre.

“Io e Marco dovevamo sposarci due anni fa ma poi è saltato tutto. Abbiamo deciso che non era il caso e che stavamo bene anche da fidanzati. Mentre stavamo organizzando, si è ripresentato un vecchio problema di salute, una cisti che ho scoperto con una biopsia di controllo dopo aver asportato un’ovaia a causa di un tumore. Mi sono operata, ora sto bene ma mi sono spaventata tantissimo. Così ho detto a Marco: “Che senso ha sposarci adesso? Stiamo così bene insieme, tu sei giovane, io non sono più di primo pelo, non voglio che tu diventi il mio badante!”. Non voglio che un uomo stia con me per motivi diversi dall’amore e dal desiderio. Adesso sono un’ultraquarantenne piacevole, in forma e divertente ma tra cinque anni avrò 52 anni e Marco ne avrà solo 35 e non voglio diventare un peso per lui. E non ho l’intenzione di fare la giovane a tutti i costi come Madonna. Il rapporto con un uomo più piccolo ha una scadenza ed è la natura a deciderlo.”

La scelta molto dura da prendere, ma di cui Ana Laura Ribas sembra molto consapevole:

“A 50 anni dirò basta e me ne tornerò in Brasile dalla mia famiglia, da mia madre e dai miei nipoti.”