Allergia alle bacche di goji, cosa fare

Le bacche di goji sono di origine orientale, la Cina è la principale produttrice seguita dalla Mongolia e dalle regioni del Tibet e dell’Himalaya.

La pianta si coltiva facilmente nei climi temperati e subtropicali e le bacche si possono consumare sia fresche che essiccate (come l’uvetta o i fichi) o in polvere.

Le bacche di goji sono anche soprannominate le “bacche della longevità” e recenti studi hanno dimostrato l’alto contenuto di vitamina A (antiossidanti), carotenoidi, vitamine C ed E, betaina, calcio, potassio, ferro, zinco, selenio e riboflavina. Le bacche sono composte dal 14% di proteine, 8 % di fibre e 20% di carboidrati.

Pur avendo molti aspetti benefici, le bacche – proprio per la loro ricca composizione – possono avere delle controindicazioni e indurre delle allergie. Come nella maggior parte delle allergie, anche l’allergia alle bacche di goji si combatte evitandone l’assunzione e – in caso di ingestione – con una appropriata profilassi dietro consiglio medico. Un adulto sano può consumare fino a 15 gr. di bacche di goji al giorno senza avere particolari effetti collaterali. Un sovradosaggio comporta malessere come nausea, vomito e diarrea. È comunque sempre sconsigliata l’assunzione delle bacche di goji in concomitanza con l’uso di farmaci, in particolare gli anticoagulanti.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 31-01-2016

Guide

X