Pur se incerta la situazione del come e quando riprenderanno i matrimoni, nulla ci impedisce di sognare gli abiti da sposa del 2021. Il trend li vuole minimal e semplici.

Sognano le spose, quelle in attesa e quelle che magari hanno ricevuto la proposta da poco e guardano con curiosità agli abiti da sposa 2021. E il mondo del wedding, quasi di pari passo con la moda che sceglie il comfy, si riscopre semplice ed essenziale. Un po’ come è stato nei matrimoni che si sono riusciti a celebrare nel 2020, l’abito da sposa preferisce mettere da parte troppi fronzoli e volumi, puntando su modelli da sogno sobri e composti.

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?

Abiti da sposa 2021: le tendenze sono minimal e semplici

Un’aria diversa nella scelta dell’abito da sposa si era già respirata: molte star infatti hanno preferito indossare, per i matrimoni che è stato possibile organizzare nell’estate 2020, modelli semplici, lunghi, dalle nuance bianche o chiarissime. Abiti simili a sottovesti essenziali con bretelline o senza per cerimonie tra pochi intimi.

E se questa era una tendenza prima relegata solo a chi sceglieva di celebrare una festa tra pochi intimi, quest’anno invece l’abito da sposa minimal diventa una tendenza consolidata. Grande attenzione ai tessuti, pregiati, ma meno pizzi e merletti e maniche particolari e lavorate.

Complice quindi la pandemia, che non permetterà molto presto, quando si potranno organizzare i matrimoni, di pensare a grandi feste, ma complice anche un gusto che si diffonde da un po’. Le nuove collezioni infatti raccontano di abiti essenziali.

L’abito da sposa ideale: gli spunti delle nuove collezioni

Gli esperti del settore prevedono infatti che il 25% delle spose sceglierà un abito basic, in termini quindi sia estetici che economici. Addio quindi a gonne voluminose, cristalli, pizzi, merletti e chiffon: l’abito rivede le sue linee e le sue forme più che mai regolari come nei modelli di Savannah Miller.

– Cerca il compromesso invece Enzo Miccio, che gioca con tessuti e trasparenza per conservare quel gusto spettacolare a cui tante non vogliono rinunciare in un giorno e in un momento importante della loro vita. L’abito infatti mima i drappeggi degli abiti greci e romani, dove è il tessuto nella sua purezza e fluidità a farla da padrona.

Max Mara Bridal invece non mette da parte il tulle, ma piuttosto che integrarlo con i vestiti, ne fa un accessorio da indossare a mò di coprispalle e un po’ collana. Un’attenzione al dettaglio che arricchisce ma non appesantisce il gusto minimal che accoglie anche le tute come nuovi abiti da sposa.

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?


Uscire di scena dalla Casa Bianca con stile: i due look chic di Melania Trump

Il ritorno del corsetto, nuovo simbolo del woman power a prova di star