Scopriamo insieme a che cosa serve il correttore lilla.

Esistono tanti tipi di correttore in commercio, e tutti con una funzione specifica: la nostra pelle non è mai del tutto ‘perfetta’, e prima di procedere al trucco la sua superficie ha bisogno di essere uniformata con un prodotti mirati a nascondere le piccole imperfezioni, in modo tale da ottenere un incarnato liscio, luminoso e privo di discromie.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

La funzione dei correttori è proprio questa: andare a ‘correggere’ gli inestetismi quali macchie cutanee, brufoli, rossori dovuti alla couperose, oppure dare luce a un colorito spento o alla pelle olivastra, che ha sempre bisogno di essere ravvivata prima del make-up, specie nei mesi invernali quando non può beneficiare dei raggi del sole che la rendono particolarmente ambrata. I colori di correttore più usati sono verde, giallo, arancio, rosa e lilla: quando sono in crema sono spesso venduti in un’unica palette; sono disponibili anche in versione fluida, ideale per le pelli mature, o in polvere, specifici per le pelli seborroiche, ma in confezione ‘mono’.

A che cosa serve il correttore lilla?

Il correttore lilla, insieme a quello rosa, è l’unico tra i correttori che può essere usato indifferentemente per tutto il viso, e la sua colorazione è particolarmente indicata per contrastare la tonalità giallognola delle pelli olivastre, donando loro immediata luminosità. Proprio per la sua eccezionale efficacia si può trovare anche in versione primer, come quello prodotto dalla nota casa cosmetica milanese Kiko, ottimo come base per il trucco. Se avete una carnagione di questo tipo, non esitate a provarlo: resterete veramente soddisfatte del risultato e non potrete più farne a meno.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 17-11-2015

A che cosa serve il correttore verde

Come usare la lacca contro le doppie punte