Per un colorito uniforme dovete sapere a che cosa serve il correttore aranciato.

I correttori in circolazione sono tanti, ognuno con una colorazione specifica appositamente studiata per correggere determinate imperfezioni: sono disponibili in polvere, che aiutano ad asciugare ed uniformare le pelli molto grasse o a tendenza seborroica, fluidi per le pelli molto secche o mature, e in crema, che sono molto facili da usare e sono adatti a quasi tutti i tipi di pelle.

Due i correttori da usare su tutto il viso: lilla per migliorare l’aspetto delle pelli olivastre, e rosa per illuminare dei coloriti spenti. Tra quelli da usare solo in determinate zone abbiamo quello verde, che neutralizza i rossori ed è particolarmente indicato in presenza di brufoli o couperose, il giallo che attenua le occhiaie violacee, e quello aranciato.

A che cosa serve il correttore aranciato?

Questo tipo di correttore, dalla tonalità calda, è studiato per eliminare le occhiaie profonde, quelle di colorito bluastro, e anche eventuali lividi che possono presentarsi sul viso in seguito a incidenti o cadute: si deve applicare a più riprese sulla parte scura, usando un pennellino con cui poi andremo a sfumarlo ai lati, oppure se siamo particolarmente abili anche coi polpastrelli. Solitamente la successiva stesura del fondotinta dovrebbe garantire una copertura soddisfacente dell’inestetismo, ma se desideriamo ottenere un vero e proprio effetto barriera dovremo passare sulla tonalità aranciata anche un po’ di correttore beige e poi applicare il fondotinta.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 17-11-2015


A che cosa serve il correttore rosa

A che cosa serve il correttore verde