9 Marzo: la Giornata Mondiale del Rene

Da 10 anni per sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie renali

chiudi

Caricamento Player...

9 Marzo: la Giornata Mondiale del Rene viene organizzata da 10 anni in moltissimi paesi del mondo per diffondere le conoscenze necessarie a prevenire le malattie renali.

Il tema di quest’anno: la relazione tra l’obesità e le malattie renali

L’obiettivo con il quale è stata creata e organizzata nel corso degli anni la Giornata Mondiale del Rene è quello di diffondere la consapevolezza che i reni sono fondamentali per la nostra salute e che alle malattie renali sono associate delle altre patologie che possono ridurre fortemente la qualità della vita di chi ne soffre.
Innanzitutto la Giornata Mondiale del Rene serve a scoprire quali sono i comportamenti a rischio che peggiorano la salute dei reni e possono favorire l’insorgenza di malattie.

Il tema portante di quest’anno, intorno al quale saranno organizzate tutte le iniziative, è la relazione tra obesità e malattie renali. L’obesità e l’ipertensione infatti sono uno dei fattori di maggiore affaticamento dei reni e, quindi, uno dei principali fattori di insorgenza di patologie a loro carico.
Tutte le iniziative saranno rivolte principalmente ai bambini, per prevenire in tempo l’insorgenza dell’obesità infantile che si traduce nella maggior parte dei casi in obesità dell’età adulta e spesso in diabete. L’educazione a una corretta alimentazione e allo svolgimento di regolare attività fisica è quindi uno degli obiettivi secondari ma non meno importante della Giornata Mondiale del Rene 2017.

9 Marzo: la Giornata Mondiale del Rene in Italia

In Italia la Giornata Mondiale del Rene si anima di iniziative organizzate in gran parte dalla Fondazione Italiana del Rene, che negli anni passati ha conseguito ottimi risultati di pubblico e di diffusione del messaggio.
Il 9 di Marzo sarà possibile usufruire di controlli gratuiti e di altri servizi forniti presso i reparti di nefrologia di molti ospedali, come nel 2016 è successo ad esempio nell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Parma, dove è stato distribuito materiale informativo e sono stati eseguiti controlli gratuiti a chi lo ha richiesto.