26 settembre: Giornata europea delle lingue

Il Consiglio d’Europa ha proclamato il 26 settembre come la Giornata europea delle lingue.

chiudi

Caricamento Player...

L’obbiettivo della Giornata europea delle lingue è di incoraggiare l’apprendimento delle lingue nel vecchio continente.

Sensibilizzazione sull’importanza dell’apprendimento delle lingue per migliorare il plurilinguismo, comprensione interculturale, diversità linguistica dell’Europa e studio delle lingue esteso a tutta la vita. Sono questi i punti su cui fa perno questa Giornata, istituita nel 2001 dal Consiglio d’Europa.

La Giornata europea delle lingue

Il 26 settembre, in tutta Europa, si svolgono eventi per bambini, programmi radio e televisivi e conferenze. Gli eventi in programma non sono organizzati né dal Consiglio né dall’Unione europea, che hanno il compito di stanziare i fondi. Sono gli Stati membri e i partner a organizzare le attività con il prezioso aiuto di referenti nazionali.

In Europa ci sono circa 225 lingue indigene, che costituiscono il 3% delle lingue mondiali. La maggior parte di esse è di origine indoeuropea. Con l’arrivo di immigrati e rifugiati è inoltre cresciuto il multilinguismo. Basti pensare che nella sola Londra si parlano ben 300 lingue.

Secondo il sondaggio europeo “Gli europei e le loro lingue” il 56% dei cittadini europei (Ue a 25 membri) parla una lingua diversa dalla propria lingua madre, il 28% padroneggia due lingue straniere, il 38% sa l’inglese, il 14% sa il francese o il tedesco. L’europeo che parla più lingue è uno studente, un manager oppure è nato in un paese la cui lingua è diversa da quella dei genitori.

Per questo l’Unione Europea promuove una politica multi linguistica nei suoi lavori istituzionali verso i cittadini. Al vertice di Barcellona del 2002 è stato posto come obiettivo quello di far imparare ai bambini almeno due lingue sin da piccoli.

L’Ue investe più di 30 milioni di euro all’anno per promuovere l’apprendimento delle lingue e la diversità linguistica tramite i programmi Socrates e Leonardo da Vinci, una politica iniziata con il pionieristico programma Lingua, nel 1990.

Fonte foto copertina: www.edl.ecml.at