21 Marzo: la Giornata Mondiale Contro la Discriminazione Razziale

Il culmine delle iniziative della Settimana Contro il Razzismo

chiudi

Caricamento Player...

21 Marzo: la Giornata Mondiale Contro la Discriminazione Razziale si celebra dal 1966 per ricordare le orribili conseguenze dell’odio razziale.

Il massacro di Sharpeville del 1960

Nel periodo dell’Apartheid e delle discriminazioni razziali nelle colonie africane le condizioni di vita dei neri erano restrizioni estremamente umilianti. Nel 1960 fu istituita una legge in virtù della quale tutti i neri avrebbero dovuto richiedere un permesso speciale per circolare nelle aree riservate ai bianchi. Scoppiarono rivolte violente, che furono represse nel sangue dalla polizia. Durante quello che viene ricordato come il massacro di Sharpeville morirono 69 persone tra cui alcuni bambini. Era il 21 Marzo.
In tale data, sei anni dopo, fu istituita dall’ Organizzazione delle Nazioni Unite la Giornata Mondiale per l’eliminazione della discriminazione razziale.

21 Marzo: la Giornata Mondiale Contro la Discriminazione Razziale in Italia

L’Italia aderisce alle manifestazioni organizzate per l’occasione da oltre un decennio. La giornata del 21 Marzo si colloca come apice di una serie di eventi e di iniziative organizzati da scuole e comuni italiani durante la Settimana D’Azione Contro il Razzismo che si celebra tra il 14 e il 21 Marzo. Ente promotore è l’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale).
Obiettivi dell’intera settimana d’azione e in particolare della Giornata Mondiale Contro la Discriminazione è promuovere in Italia e nel mondo la creazione di luoghi di incontro e di pacifico scambio culturale, dove giovani e adulti di ogni razza possano socializzare e approfondire la conoscenza delle rispettive culture.
Obiettivi a lungo termine sono la creazione di una società che sappia essere multietnica, pacifica e inclusiva.
Per aderire alle manifestazioni e ospitare all’interno di una struttura scolastica o comunale un evento ispirato a queste tematiche si può scrivere direttamente all’Unar e inoltre dal sito ufficiale si potrà scaricare un file con il programma nazionale della manifestazione per il 2017.