Sta per tornare la nuova edizione dello Zecchino d’Oro, facciamo un tuffo nei ricordi recuperando le canzoni più belle degli anni passati!

Dopo l’annullamento della scorsa edizione per via dell’emergenza sanitaria, lo Zecchino d’Oro sta per tornare. L’apertura della 63esima edizione dell’amatissima gara canora per bambini è alle porte e, in attesa di poter ascoltare i brani della nuova edizione, ripercorriamo le canzoni storiche dello Zecchino d’Oro.

Le canzoni storiche dello Zecchino d’Oro

Negli anni le canzoni celebri dello Zecchino d’Oro sono diventate dei veri e propri tormentoni, il cui successo non si è esaurito con la conclusione del festival stesso, ma le ha trasformate in brani indimenticabili cantate ancora oggi dopo tanti anni da grandi e piccini. Tra i brani più rappresentativi ricordiamo Il coccodrillo come fa? la canzone vincitrice dell’edizione del 1993 interpretata da Gabriele Patriarca e Carlo Andrea Masciadri.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

bambino microfono cantare zecchino d'oro
bambino microfono cantare zecchino d’oro

Forse non tutti ricorderanno un altro celebre brano con protagonisti due coccodrilli innamorati, siamo nel 1974 e il brano Cocco e Drilli vince la sedicesima edizione della competizione canora. Facciamo un salto ancora più indietro al 1967, quando a vincere la nona edizione dello Zecchino d’Oro fu Popoff. Una piccola curiosità a proposito di questo brano è la reinterpretazione di Enrico Ruggeri inclusa poi anche nel secondo disco della raccolta All in – L’ultima follia di Enrico Ruggeri.

Le canzoni indimenticabili dello Zecchino d’Oro

Molti dei brani più famosi a spopolare in questi anni hanno avuto come protagonisti degli animali alle prese con le più disparate avventure. A partire da Il pulcino ballerino vincitore nel 1964, passando per la celebre Il valzer del moscerino protagonista dell’edizione del 1968, il cui premio è andato a un altro indimenticabile brano: Quarantaquattro gatti. Dall’edizione dello Zecchino d’Oro di quello stesso anno ricordiamo anche Il torero Camomillo, mentre l’anno successivo a vincere il concorso sarà Volevo un gatto nero interpretato da Vincenza Pastorelli.

A fare da protagonisti nelle canzoni della gara non sono stati solo simpatici animali, ma anche prelibatezze culinarie. Basti pensare a Le tagliatelle di Nonna Pina vincitore della 46esima edizione nel 2003. Ma tra i fornelli, si sa, non tutto va sempre a dovere e così nasce Il caffè della Peppina l’intramontabile brano vincitore dello Zecchino d’Oro del 1971, o ancora Il cuoco pasticcione che vinse l’edizione del 2000.


Perché il Pesce San Pietro si chiama così? Una leggenda all’origine del suo nome

Amazon punta sul cinema e acquista MGM: un affare da 8,45 miliardi di dollari