Visitare Cervo, uno dei borghi più belli d’Italia

Un antico borgo tra la montagna e il mare

chiudi

Caricamento Player...

Visitare Cervo vuol dire andare alla scoperta di tesori paesaggistici e architettonici che rappresentano la grande ricchezza della Liguria. Cervo è uno dei Borghi più Belli d’Italia, in provincia di Imperia.

La storia travagliata di una perla di Liguria

Passato come tutti i borghi Liguri attraverso diverse dominazioni, la storia di Cervo comincia in epoca Romana, quando dal borgo passava la Via Aurelia. All’epoca venivano offerti ai viaggiatori alcuni servizi di assistenza e la parola “servo” (dal latino, appunto, “offro servizi”) è certamente alla radice del nome del Borgo, italianizzato nel Cinquecento nell’attuale “Cervo”. Successivamente si insediarono nel paese prima i Bizantini, nel quinto secolo, e quindi i pirati saraceni intorno all’anno Mille. Dopo ancora il borgo rientrò sotto la protezione della Repubblica di Genova e dei Cavalieri di Malta, quindi fece parte del regno di Francia, di quello di Savoia e, infine, del Regno d’Italia.

Visitare Cervo, borgo del corallo

La raccolta del corallo dai fondali di Corsica e Sardegna è stata in passato un’attività estremamente redditizia che ha caratterizzato la vita del borgo assicurando ai suoi abitanti una vita agiata e corpose disponibilità economiche. La chiesa barocca di San Giovanni Battista, nella piazza principale della cittadina, è famosa con il nome di “Chiesa dei Corallini” perché i lavori per la sua costruzione furono finanziati dalla popolazione e in particolare dai ricchi raccoglitori di corallo. A ricordare l’origine della chiesa è la lapide posta alla sua entrata, che recita “dal mare assunta, sorsi su questa punta”.
Molto interessante è anche il Museo Etnografico del Ponente che, nella sede del castello dei Clavesana, ospita migliaia di reperti che ricostruiscono la cultura contadina e marinaresca dei secoli passati, grazie anche alla ricostruzione fedele di ambienti d’epoca ed esemplari di mobilia e abiti antichi. Le visite al museo sono gratuite.

Fonte immagine di copertina: Wikipedia