Ne parliamo spesso in autunno della cosiddetta moda di vestirsi a strati, ma alle porte della primavera questo escamotage può tornarci molto utile.

Vestirsi a strati o a cipolla, delinea ormai un vero e proprio look da comporre e che permette di personalizzare ancora di più i nostri outfit. In autunno ma anche in primavera, ovvero nelle mezze stagioni, è un escamotage utilissimo per scoprirsi un po’ ma non del tutto.

Alle porte dell’estate il motto degli stilisti generalmente è quello di scoprirsi, le gambe prima di tutto, ma anche indossando top che lascino intravedere un po’ di pelle, ma se l’estate non è ancora arrivata e gli sbalzi di temperatura sono dietro l’angolo, meglio ricorrere ad un’alternativa.

Vestirsi a strati in primavera: capispalla e cardigan, i salva look

La prima regola di un perfetto look a strati è quello di non esagerare, non solo con i colori ma con gli strati appunto. Fondamentale quindi è fare attenzione anche al tipo di giornata: ad esempio se c’è il sole e l’aria sarà fresca ma riscaldata, perché non scegliere un cardigan lungo, magari avvitato ai fianchi? Caldo e comodo!

– Ma i complici da sempre della primavera, sono da sempre gli spolverini. Impermeabili se la giornata si prevede piovosa, ad effetto camosciato per una giornata serena o un po’ nuvolosa. Il trend di quest’anno li vuole corti oppure ad altezza metà gamba.

Look a cipolla: come abbinare e scegliere i colori

Un look sicuramente evergreen è abbinare la camicia ad un abito midi, un minidress, ma anche ad un classico t-shirt e jeans per chi ama uno stile un po’ country style. Un outfit che possiamo rivedere e modificare anche con le giacche camicia in lana, così da indossarle a mò di blazer, senza bisogno di uscire con un capospalla.

Ovviamente, anche il già citato blazer è un’alternativa al capospalla, trendy e perfetto per un look pret a porter, formale o infomale all’occorrenza. A cui possiamo aggiungere anche il giubbino di jeans, nella versione oversize o cropped.

Per quanto riguarda i colori il consiglio è partire sempre da nuance basic e versatili, soprattutto se vogliamo sfoggiare giacche fantasiose: una t-shirt o una maglia bianca, nera o beige saranno sempre il punto di partenza. Da lì possiamo abbinare colori pastellati soprattutto in primavera, che richiamino il nostro capospalla o staccare con il denim.


Sognando un paio di sneakers Gucci…anche virtuali e da sfoggiare solo sui social!

L’autunno-inverno 2021-2022 di Dior: look da principesse in versione dark