Valencia, luoghi da visitare della città spagnola: i più belli

Le bellezze di Valencia: alla scoperta di un gioiello del Mediterraneo

Quali sono le bellezze di Valencia? Si tratta della terza città della Spagna dopo Madrid e Barcellona, ricca di storia e carica di energia.

Partire alla scoperta delle bellezze di Valencia è un’esperienza molto suggestiva. Fino a qualche tempo fa si trattava di un luogo visitato solo da pochi turisti. Dopo la Coppa America Valencia, però, è diventata famosa in tutto il mondo.

Questo evento, infatti, ha influenzato l‘architettura della città e la sua organizzazione. Tutto ciò ha inoltre contribuito alla creazione di un’atmosfera importante ricca di energia e creatività avvolgente.

Le meraviglie da non perdere

Tanti sono i luoghi meravigliosi da non lasciarsi sfuggire nel corso di un viaggio a Valencia. Scopriamo quali sono e perché meritano l’attenzione del turista che, di certo, non potrà rimanere indifferente.

Barrio del Carmen: Si tratta di uno dei quartieri del centro storico di Valencia sorti intorno al convento del Carmen Calzado. nel corso della sua millenaria storia ha svolto svariate funzioni.

Da rifugio a caserma, da luogo della prostituzione sino a centro dell’aristocrazia medievale. Dal 1900 è un quartiere operaio. Ad oggi è tra i più frequentati sia di giorno per lo shopping che di notte dove ci i rilassa dopo la giornata.

Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: La firma è dell’architetto Santiago Calatrava. Questo enorme edificio di architettura moderna racchiude al suo interno cinque attrazioni uniche: l’Oceanografic, l’Umbracle, il Palazzo delle Arti, il Museo della Scienza e l’Hemisfèric.

Ogni elemento che compone questo bellissimo complesso presenta uno stile diverso. Da premettere che non si lo si può visitare in un solo giorno. Merita comunque di spendere del tempo per apprezzare interamente questo luogo magnifico.

Mercato Centrale di Valencia: Si tratta di una struttura d’acciaio con le vetrate colorate e le ceramiche dipinte a mano sulla facciata. Il Mercato centrale offre al visitatore 959 banchi di prodotti freschi.

Il mercato è suddiviso in due parti: da un lato la frutta e verdura dall’altro carni tra le quali prosciutti di Salamanca, pesci in particolare crostacei. Una tappa obbligata, insomma, soprattutto per le atmosfere che qui si respirano.

Lonja de la Seda: Tradotto in italiano Mercato della Seta. Agli inizi del XVI secolo è stata il centro delle attività commerciali e culturali oltre che come simbolo dell’età dell’oro di Valencia. Nel 1996 è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Oggi è sede dell’Accademia Culturale di Valencia che spesso ospita esposizioni.

I giardini del Turia: La città di Valencia è sorta proprio lungo le rive del fiume Turia. Tra le varie inondazioni, dopo quella del 1957 le autorità hanno deciso di deviare il corso del fiume. Dove prima vi era il suo letto ora sorgono i Giardini del Turia. Uno spazio di pace in centro urbano. La scultura monumentale di Gulliver è l’attrazione principale del parco dove camminare ed è ispirata al personaggio di Jonathan Swift.

La Cattedrale di Valencia

La cattedrale di Valencia, costruita nel XIII secolo, sorge in un luogo considerato sacro dove già in passato erano sorti luoghi di culto: prima un tempio romano e poi una moschea.

Il turista inizia solitamente la sua visita dal Miguelete. Quest’ultima è la torre che sovrasta la Cattedrale dalla quale è possibile ammirare un paesaggio mozzafiato su tutto il centro storico. Ciò che attrae l’attenzione dei turisti è il Santo Graal, il calice che Gesù si dice abbia usato nell’Ultima Cena.

Essa è la sede dell’Arcivescovo di Valencia ed è dedicata a Jaime I alla Santissima Vergine Maria dopo la riconquista. Si dice che Jaime I nel 1238, dopo aver conquistato la città di Valencia si diresse verso la moschea. Successivamente alla purificazione della struttura si diede inizio ai lavori di costruzione della Cattedrale.

Girovagare tra le bellezze di Valencia non può che essere un’esperienza da vivere e da ricordare. Il mix di energia e vitalità che si respirano non possono che far trascorrere una vacanza all’insegna del relax e del divertimento.

Fonte Foto: https://pxhere.com/it/photo/482259

ultimo aggiornamento: 08-07-2019

X