Vaccino antinfluenzale 2020/2021, tutto quello che bisogna sapere: costo, chi deve farlo obbligatoriamente, vantaggi e possibili effetti collaterali.

L’influenza in questo difficile 2020 e nella stagione invernale 2021 si preannuncia particolarmente impegnativa, molto più che negli anni passati, a causa ovviamente del Covid. Anche per questo il vaccino antinfluenzale mai come quest’anno assume una rilevanza straordinaria. Andiamo a scoprire insieme tutto quello che bisogna sapere sul vaccino: quanto costa, dove farlo, per chi è obbligatorio e chi invece non deve farlo.

Vaccino antinfluenzale: il costo

La campagna vaccinazione 2020/21 è partita a metà ottobre, con date differenti a seconda delle regioni. Gli esperti consigliano quest’anno di farlo presto, entro fine novembre, visto che per vederne gli effetti bisogna attendere circa due settimane. Ma quanto costa il vaccino? Partiamo da una notizia importante: per molte categorie a rischio non solo è raccomandato, ma anche gratuito. Rientrano in questa casistica:

– gli adulti dai 65 anni in su;
– i bambini sopra i 6 mesi, i ragazzi e gli adulti affetti da patologie gravi che possono aumentare il rischio di complicanze;
– le persone affette da diabete, o chi ha malattie croniche alle vie respiratorie, al sistema cardiaco, o soffre di insufficienza renale o epatica;
– i medici e gli operatori sanitari;
– le persone di qualunque età ricoverate in strutture medico-sanitarie;
– i veterinari e chi lavora a contatto con animali;
– i familiari e i contatti di individui a rischio;
– le donne in gravidanza;
– gli addetti ai servizi di primario interesse per la collettività, come gli insegnanti e gli agenti di polizia.

Solo nella Regione Lazio gli over 65 e il personale medico sanitario sono obbligati a sottoporsi al vaccino. Negli altri casi si parla solo di forte raccomandazione.

Vaccino
Vaccino

Chi non rientra in queste categorie, invece, può ovviamente farlo, ma dovrà acquistare il vaccino e concordare la somministrazione con il proprio medico. Il costo varia tra i 10 e i 25 euro. Dove trovarlo? Presso le farmacie da ottobre e dopo gennaio, nel periodo in cui è previsto il massimo picco stagionale. Il vaccino può essere effettuato negli ambulatori vaccinali delle ASL o presso lo studio del proprio medico di famiglia o pediatra.

Vaccino antinfluenzale: chi non deve farlo

Non a tutti è consigliato comunque di sottoporsi alla vaccinazione. In particolare, il Ministero della Salute chiede di evitare la vaccinazione alle seguenti categorie:

– bimbi sotto i 6 mesi;
– soggetti allergici al vaccino;
– persone che hanno sviluppato la sindrome di Guillain-Barré entro sei settimane dalla somministrazione di una dose;
– persone che soffrono di malattie che possono essere costituite da una controindicazione temporanea.

Per quanto rigaurda gli effetti collaterali, il vaccino può essere seguito da arrossamento nel punto di iniezione, mal di testa, dolori articolari e un lieve stato febbrile. Sintomi che possono manifestarsi fino a 2 giorni dopo la vaccinazione, ma che generalmente non richiedono cure e si risolvono in tempi rapidi. Ribadiamo in ogni caso che il vaccino antinfluenzale è inefficace contro il Covid. Ciò vuol dire che anche se ci si è sottoposti, è necessario mantenere comunque i comportamenti obbligatori in questo momento storico (utilizzo di mascherine e distanziamento).

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Black Friday in anticipo su Amazon: ecco le migliori offerte

Grease: le canzoni e tutto quello che c’è da sapere sul musical