Utilizzi delle barbabietole

La barbabietola rossa, per la particolare pigmentazione che la caratterizza, ha molti usi oltre a quelli alimentari

chiudi

Caricamento Player...

Utilizzi delle barbabietole: non soltanto in cucina. Le tecniche tradizionali di tintura dei tessuti, la pasticceria e la cosmesi attente all’atossicità dei propri ingredienti utilizzano a piene mani questo colorante naturale.

Gli usi che non ti aspetti del succo di barbabietola rossa

Forse non tutti sanno che dal succo di barbabietola rossa, dal colore così intenso, viene ricavato un colorante utilizzato diffusamente nell’industria alimentare. Lo stesso pigmento viene usato, anche se con frequenza minore, anche nella produzione di cosmetici biologici e in particolare di rossetti e creme colorate per le labbra.
In pasticceria invece si estrae il succo dalla polpa bollita della barbabietola rossa per colorare creme e impasti come la celebre Red Velvet Cake.

Utilizzi delle barbabietole rosse in cucina

Come gran parte delle verdure ad alto contenuto d’acqua, la barbabietola rossa mantiene inalterate tutte le sue proprietà nutritive se consumata cruda. In questo caso è opportuno scegliere radici sode e rosse, senza punti molli dal colore rosso scuro o bruno. Andranno lavate accuratamente con acqua fresca, e grattugiate finemente per aggiungerle ad un’insalata. In questo caso il succo di limone è il condimento ideale, perché il suo alto contenuto di vitamina C è complementare a quello di vitamina A e B della barbabietola.
Ottima anche per la realizzazione di centrifugati di verdura, la barbabietola si abbina spesso al sedano, al cetriolo e alla carota, più raramente al finocchio.
Le barbabietole rosse si trovano in commercio anche cotte e confezionate sottovuoto. Tagliate a fette molto sottili si abbinano molto bene al purè di patate.
Nei paesi dell’Est Europa la barbabietola rossa è un ingrediente fondamentale per una zuppa di verdura chiamata borsch, conosciuta come “la madre di tutte le zuppe” è associata tradizionalmente alla Russia ma in realtà è originaria dell’Ucraina.