Cosa significa avere l’utero ingrossato? Questa condizione può essere collegata a diversi fattori e non necessariamente a una patologia.

L’utero ingrossato è un’anomalia in cui le dimensioni dell’utero sono maggiori della norma e che viene spesso riscontrato casualmente. Spesso la presenza di un utero grande rispetto alla norma viene, infatti, rilevata durante gli esami di routine. Questa condizione si può verificare con maggiore frequenza superati i 30 anni e con l’approssimarsi della menopausa. Occorre precisare fin da subito, però, che non sempre questa condizione è associata a delle patologie. Vediamo a quali cause può essere associato.

I cambiamenti dell’utero

Durante la vita della donna l’utero tende a subire delle modifiche fisiologiche che portano quest’organo a cambiare forma. Prima della pubertà l’utero ha un aspetto allungato, mentre nelle donne adulte la sua forma richiama quella di una pera capovolta, superato il periodo della menopausa, invece, il suo volume tende a ridursi.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Pancia
Pancia

In genere in una donna adulta le dimensioni dell’utero sono all’incirca quelle di un pugno chiuso. Ci sono diversi fattori, però, che possono condurre ad un ingrossamento dell’utero. Per prima cosa, tra le cause fisiologiche, c’è la gravidanza. Durante la gestazione l’utero deve ingrossarsi per riuscire a dare spazio al feto e permetterne la crescita. Un’altra situazione non associata a patologie per cui le dimensioni dell’utero possono cambiare è l’ingresso nella fase che precede la menopausa, vediamo cosa succede.

Utero ingrossato: cause

Talvolta la presenza di un utero gonfio può essere legata ad una situazione temporanea che andrà via via a risolversi da sola con l’arrivo della menopausa vera e propria. Questo è ciò che accade nella perimenopausa, il termine con cui si definisce il periodo che precede la menopausa. In questo caso, infatti, si verificano dei cambiamenti ormonali che possono portare ad un ingrossamento dell’utero. Il passaggio dalla perimenopausa alla menopausa, che può avvenire gradualmente in mesi o anche anni, segnerà poi il ritorno dell’utero alle condizioni di normalità.

Tra le altre cause di utero ingrossato ci sono poi anche quelle patologiche come la presenza di fibromi uterini e l’adenomiosi. I fibromi uterini spesso non sono accompagnati da alcun sintomo e tendono a regredire spontaneamente superata la menopausa. L’adenomiosi può essere accompagnata da dolori durante il ciclo o durante i rapporti. Anche in questo caso, però, in genere la condizione si risolve con i cambiamenti ormonali tipici della menopausa.


Come togliere il ciuccio: il metodo efficace e senza traumi

Cosa provoca la cistite nei bambini e come si manifesta?