La calvizie (o alopecia) è un fenomeno che colpisce in Italia circa il 40% della popolazione maschile.

La calvizie (o alopecia) è un fenomeno che colpisce in Italia circa il 40% della popolazione maschile. I numeri tendono a salire man mano che l’età avanza – e i problemi purtroppo non sono legati solo alla caduta dei capelli. É stato infatti riscontrato che coloro che sono affetti dall’alopecia tendono a isolarsi. Il risultato è spesso una quotidianità difficile, segnata dal rigetto della propria immagine e il rischio di depressione e altri sintomi in ambito di igiene mentale. Se fino a qualche decennio fa era spesso la genetica a determinare chi erano gli sfortunati, oggi la situazione è più complicata: l’aumento della prevalenza di malattie croniche come cancro e ipotiroidismo ha spinto a cercare delle soluzioni di tipo definitivo come il trapianto di capelli. Un’operazione chirurgica in grado di invertire il fenomeno, il trapianto di capelli è la scelta che può davvero cambiare la vita, come è successo per alcune leggende del calcio come Wayne Rooney, Cristiano Ronaldo e Dietmar Hamann.

trapianto capelli turchia

Perché è meglio scegliere la Turchia per un trapianto di capelli?

Si stima che gli Italiani che si recano in Turchia per ricevere un trapianto di capelli siano in continua crescita. Le ragioni principali sono i soldi e la lista d’attesa pari a zero. Nel primo caso, basta dare un’occhiata alle parcelle mediche dei medici nostrani per rendersi conto di come il mercato del trapianto dei capelli è riservato più a chi appartiene all’élite. Orientativamente, in Italia per un trapianto base con metodo FUE i prezzi partono da € 4.500 a Napoli fino ad un massimo di € 12.000 (Milano). Tuttavia, i costi sono soggetti anche ad altre variabili non soltanto di tipo geografico: si parla di presenza di cliniche sul territorio (concentrate spesso nelle grandi metropoli, con concorrenza praticamente inesistente), ma anche di certi “nomi” che mantengono la popolarità a livello nazionale a causa di interventi effettuati a personaggi pubblici.

La Turchia presenta una situazione completamente diversa. Il territorio è praticamente disseminato di ospedali, cliniche e studi privati in cui è possibile ricevere praticamente qualsiasi tipo di chirurgia estetica. Sono migliaia i pazienti che annualmente si recano in Turchia da ogni parte del mondo per richiedere servizi medici. Il successo del sistema sanitario è aumentato negli ultimi anni grazie ai professionisti ben istruiti, che parlano inglese fluente. Il fenomeno ha portato ad un numero crescente di scuole di medicina e specialisti nel Paese. Un recente studio pubblicato sul giornale medico The Lancet classifica il sistema sanitario turco al 60° posto su 195 Paesi nel mondo.

Le migliori cliniche per il trapianto di capelli in Turchia

1- Capilcinic

Capilclinic fa parte di un presidio estetico-ospedaliero con sedi in diversi Paesi quali Spagna, Italia e Turchia. L’eccellenza del personale dimostrata attraverso l’impiego di tecniche precise nonché di uno staff non-medico che si prende cura dei pazienti dal primo contatto, fanno di questo istituto un modello per le altre cliniche tricologhe. Considerata “la mecca” di coloro che hanno bisogno di ricevere un trapianto di capelli, è elogiata per la facilità con cui vengono elaborati trasferimenti da parte di clienti che vivono all’estero. I pazienti sono uomini e donne che hanno riacquistato una vita normale dopo tanta agonia legata a casi di alopecia irreversibili. Capilclinic è consigliata a coloro che hanno bisogno di ricevere un autotrapianto di capelli e che non vogliono sottoporsi a delle operazioni con dei prezzi esosi come in Italia.

2- Sapphire Hair Clinic

Entrato in azione nel settore ospedaliero turco nel 1995, appartiene al Medical Park Hospitals Group e serve pazienti in 29 ospedali situati in 17 città. Con 211 sale operatorie, più di cinquemila letto e 16.000 dipendenti, si parla di un pilastro della realtà ospedaliera turca.

I chirurghi esperti implementano procedure efficaci per aiutare a far crescere i capelli, eliminando anche quello stress psicologico tipico per chi soffre di alopecia. I trapianti di capelli a Istanbul sono significativamente più economici rispetto ad altri Paesi, e questo è anche uno dei motivi per cui la Sapphire Hair Clinic è così nota.

3- Hermest Hair Clinic

Grazie ad anni di esperienza e studi di innovazione al fine di fornire risultati che fanno la differenza con le moderne metodiche nel trapianto di capelli, Hermes Hair Clinic offre soluzioni permanenti per la caduta dei capelli con una garanzia “a vita”. Sono oltre 12.000 i pazienti provenienti da 62 Paesi al mondo che hanno già usufruito dei vari servizi. Questa reputazione che si estende dagli Stati Uniti al Giappone è stata raggiunta proprio grazie a tutte le operazioni eseguite con successo nel corso degli anni. Le tecniche più richieste sono FUE, DHI e Sapphire FUE.

trapianto capelli turchia

Tecniche di trapianto di capelli

Generalmente vengono offerte due tipologie di intervento per il trattamento della caduta dei capelli: FUE e DHI.

FUE

I trapianti di capelli con estrazione di unità follicolari (FUE) vengono eseguiti rimuovendo i singoli follicoli piliferi dalla pelle e impiantandoli altrove sul corpo. In questo modo i capelli nella nuova area sembreranno più spessi. La FUE inizialmente è nata per la tecnica “classica” del trapianto di unità follicolari (FUT). Questa procedura era eseguita prendendo un intero pezzo di pelle o cuoio capelluto insieme ai follicoli e trapiantando la pelle nell’area che aveva bisogno di trapianto.

In poco tempo, la FUE è diventata la tecnica più popolare per via dei risultati impeccabili. Non solo le controindicazioni si sono ridotte a zero, ma è meno probabile che l’aspetto sia sgradevole. Inoltre, la tecnica FUE non lascia cicatrici.

Il miglior candidato per un trapianto di capelli FUE è qualcuno con capelli diradati o calvi che ha ancora abbastanza capelli nelle vicinanze da poter essere utilizzati per un trapianto.

Rivolgiti ad una clinica tricologia per saperne di più.

DHI

DHI è una versione modificata dell’impianto di capelli FUE e segue una procedura simile. Il chirurgo rimuoverà i follicoli piliferi da una parte del cuoio capelluto – di solito la parte posteriore della testa – e li impianta nelle aree calve. Questi follicoli piliferi alla fine faranno crescere nuovi capelli.

Ecco cosa puoi aspettarti generalmente durante la procedura, step by step:

  • Il chirurgo applicherà l’anestesia locale per intorpidire l’area che riceverà il trapianto di follicoli.
  • Il chirurgo estrarrà i follicoli piliferi dalla parte posteriore della testa usando uno strumento con una punta fine.
  • I follicoli piliferi verranno caricati in uno strumento a forma di penna e impiantati nella parte calva del cuoio capelluto.
  • Il chirurgo applicherà una crema antibiotica e applicherà una benda a tutti i siti.

Gli interventi FUE e DHI richiedono generalmente circa 8 ore per essere completati, ma il tempo esatto può variare a seconda del numero di follicoli piliferi trapiantati. Possono essere necessari dai 12 ai 18 mesi per vedere i risultati completi dell’intervento chirurgico.

trapianto capelli turchia

Quanto costa un trapianto in Turchia e cosa comprende?

Il costo di un trattamento di trapianto di capelli in Turchia è molto competitivo rispetto all’Italia. Come accennato, esistono ormai così tante cliniche specializzate in interventi chirurgici di trapianto di capelli che hanno creato tanta concorrenza, portando a dei prezzi più convenienti.

Inoltre, dato che il costo della vita in Turchia è nettamente inferiore rispetto ad altri Paesi, l’intervento può essere eseguito a un prezzo davvero ridotto. Il costo medio per un pacchetto all inclusive di trapianto di capelli è di € 2.300 – inclusivo di:

  • trasferimenti dall’aeroporto all’hotel in Turchia e in clinica
  • farmaci prima, durante e dopo la procedura
  • sistemazione in un hotel a quattro o cinque stelle per tutta la durata del soggiorno
  • un traduttore di lingua italiana
  • servizi post-vendita online

Il costo e il dettaglio dei servizi oscillano in base al tipo di tecnica usata durate il trapianto, la quantità di capelli trapiantati e il prestigio della clinica.

FAQ

Non so organizzare un viaggio dall’Italia alla Turchia, come faccio a farmi operare a Istanbul?

Le cliniche spesso sono in grado di preparare dei pacchetti all inclusive con trasferimenti (aeroporto, hotel, ospedale), nonché pernottamenti e colazione in Hotel 4*.

Non voglio sottopormi ad un intervento chirurgico con anestesia, è possibile evitarla?

Il trapianto di capelli non prevede mai un’anestesia totale, a meno che non ci siano motivazioni necessarie (sempre concordate in anticipo con il paziente).

Ho paura di sentire dolore, c’è un modo per evitarlo?

L’area che riceverà il trapianto sarà intorpidita con un anestetico applicato localmente prima dell’operazione. Il paziente non sentirà nessun dolore e prima di essere dimesso riceverà antibiotici e antidolorifici per garantire una perfetta guarigione.

Quali sono i tempi di recupero?

Il trapianto di capelli permette di non interrompere le attività quotidiane per lungo tempo. È possibile riprendere a lavorare (o effettuare attività non eccessivamente stancanti) già un paio di giorni dopo l’intervento.

Quali sono le possibili controindicazioni?

Il trapianto di capelli generalmente non comporta effetti collaterali. A parte le sopraindicate precauzioni (evitare di affaticarsi per un paio di giorni dopo l’operazione), si tratta di una chirurgia di routine che può permettere al paziente di vivere la sua vita in modo normale dopo poco tempo. É importante seguire le indicazioni del medico, e tutto andrà per il meglio.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 27-09-2022


Pannelli solari: come risparmiare denaro e fare la differenza per l’ambiente

La maglietta nera: un capo sempre attuale