Scopriamo come cambia la temperatura basale in gravidanza e nella fase ovulatoria e vediamo quando e come bisogna misurarla.

Seguire l’andamento della temperatura corporea può essere utile per capire in quale fase del ciclo mestruale ci si trova e individuare i giorni fertili. Ma come cambia la temperatura basale in gravidanza e quali sono i suoi valori durante il periodo dell’ovulazione?

Se si misura in maniera regolare la temperatura si riesce a rilevare una certa costanza nella variazione dei suoi valori. Le registrazioni devono però essere prese in modo costante per due o tre mesi prima di riuscire a individuare quando avvengono le variazioni e poter così prevedere l’arrivo dell’ovulazione. Vediamo come fare per misurarla correttamente e cosa succede alla temperatura basale prima del ciclo e durante le varie fasi.

Come si misura la temperatura basale

La temperatura basale deve essere misurata ogni mattina, l’ideale è effettuare la misurazione appena ci si sveglia. È per questo che si dovrebbe tenere a portata di mano lo schema su cui appuntare la misurazione e il termometro, in modo da non doversi alzare per prenderli.

Termometro e grafico della temperatura
Termometro e grafico della temperatura

La misurazione, infatti, deve essere eseguita dopo circa 4 – 6 ore di sonno, prima di alzarsi. Nello schema si deve tenere traccia del giorno in cui è arrivato il ciclo e iniziare a misurare dal primo giorno del ciclo in avanti. Bisogna creare uno schema separato all’inizio di ogni nuovo ciclo e segnare sul grafico la temperatura giornalmente.

In questo modo si può avere un’idea dell’andamento della temperatura e individuare una ricorrenza nelle variazioni. È proprio questo andamento ricorrente che ci può aiutare a definire l’ovulazione e prevederne l’arrivo.

Come varia la temperatura basale a inizio gravidanza e durante l’ovulazione

Durante il ciclo la temperatura subisce delle variazioni, considerando che di norma si ha una temperatura media di circa 36,5 °C si avrà una diminuzione leggera prima dell’ovulazione. Nei giorni che precedono l’ovulazione, infatti, la temperatura sarà un po’ più bassa, intorno ai 36,2 °C.

La temperatura basale ad ovulazione avvenuta cambierà nuovamente, alzandosi fino a circa 37°C e da questo momento fino all’inizio del ciclo successivo resterà più o meno costante. Con l’arrivo delle mestruazioni poi la temperatura diminuirà nuovamente. La temperatura basale in caso di gravidanza, invece, continuerà a restare costante, ma nel momento in cui si avrà l’impianto potrebbe riscontrarsi di nuovo una diminuzione improvvisa.


Come variano i valori di beta HCG per i gemelli?

In cosa consiste la conservazione del cordone ombelicale?