Se partite da Londra in aeroporto, sappiate che presto salutarsi costerà caro: è in arrivo la tassa sugli abbracci.

In un periodo in cui abbiamo rinunciato a tante vecchie e care abitudini e convenzioni sociali, anche salutarsi all’aeroporto diventa un lusso. Gli aeroporti londinesi di Heathrow e Gatwick stanno per introdurre una tassa sugli abbracci.

Accompagnare i propri cari in aeroporto, scortandoli fino al terminal, si potrà fare, a patto però di pagare una sovrattassa al servizio aeroportuale. Le nuove norme entreranno in vigore già dalla prossima settimana e serviranno a ridurre l’affollamento, ma appaiono soprattutto come un metodo poco convenzionale di fare cassa.

Come funziona la tassa sugli abbracci

Il sovrapprezzo per poter accompagnare i viaggiatori al terminal avrà una tariffazione oraria. Per trattenersi entro un tempo massimo di 10 minuti si dovranno pagare 5 sterline, ma il costo aumenterà notevolmente se si sfora il limite. Per ogni minuto oltre i 10 consentiti e fino a un massimo di mezzora, si pagherà una sterlina in più. Poter salutare chi è in partenza o semplicemente aiutarlo con le valigie costerà quindi dalle 5 alle 25 sterline per l’accompagnatore.

mascherina aeroporto
mascherina aeroporto

La tassa sarà introdotta già dall’8 marzo all’aeroporto di Gatwick e sarà attiva per tutti i passeggeri in partenza dal Terminal Nord. Nei mesi che verranno sarà poi applicata a tutti i voli in partenza dall’aeroporto londinese. Verso la fine dell’anno anche Heathrow si allineerà a questa nuova tassa e potrebbe applicare una tariffazione simile.

I motivi della tassa sugli abbracci

L’introduzione della tassa è anche un modo per far tornare i conti visto che l’aeroporto non se la sta passando tanto bene al momento. Ad ammetterlo è stato lo stesso responsabile commerciale (CCO) dell’aeroporto di Gatwick, Jonathan Pollard, che ha affermato di non avere altra scelta se non quella di pensare a nuovi modi di integrare le entrate.

Coppia che si abbraccia in aeroporto
Coppia che si abbraccia in aeroporto

Dal canto suo anche l’aeroporto di Heathrow seguirà a ruota l’iniziativa, ma non sarà l’unica novità introdotta per i passeggeri. Quella che è stata soprannominata “pandemic tax” sarà un’aggiunta di quasi 9 sterline da versare per ogni volo in partenza da Heathrow. L’aumento verrà utilizzato per rimpinguare le casse delle perdite dell’ultimo periodo, che ammontano a circa 2 miliardi. Così, mentre le regole per viaggiare verso Londra si fanno più complesse dopo la Brexit, anche lasciare la metropoli diventa sempre più costoso.


Cashback, stop ai rimborsi: ecco cosa fare se ancora non lo hai ricevuto

Bracciali anti-ansia: quali scegliere per combattere lo stress