Tacchi: scegliere un modello di scarpe comode si può!

I tacchi alti, uno di quei vezzi che noi donne amiamo per quanto odiamo, che desideriamo, acquistiamo e poi…accantoniamo a causa del dolore.

chiudi

Caricamento Player...

Siete in una di quelle giornate no, va tutto storto e l’unica cosa che vi può consolare è un pò di sano e sfrenato shopping, soprattutto se si tratta di scarpe! E così siete entrate in un negozio ed è stato amore a prima vista con quei bellissimi tacchi: appena provati è scattato l’amore anche perchè sono davvero comodissime!

Eppure le cose possono precipitare e quando le si usano per percorrere lunghe distanze scopriamo che invece sono dolorose e scomode! Quante volte vi è successo? Tante di noi sanno bene cosa si prova in momenti simili, visto che spesso indossiamo tacchi vertiginosi che mettono seriamente in pericolo il nostro benessere: d’altronde se belle vogliamo apparire, molto dobbiamo soffrire!

I tacchi alti regalano magicamente centimetri alle nostre gambe, che diventano automaticamente più lunghe e slanciate, impreziosiscono abiti da sera e rendono chic look più casual. Anche il modo di camminare si trasforma in un andamento sinuoso e femminile.

In alcuni casi, piuttosto che soffrire, si decide di dire addio all’eleganza dei tacchi e di puntare sulla comodità di un paio di sneakers o stringate.

Il trucco c’è ma non si vede

Tutte quelle che non vogliono rinunciare ai tacchi ma che, allo stesso tempo, vorrebbero un rimedio alle bolle e alle vesciche saranno liete di sapere che esiste un metodo ben preciso per acquistare solo i modelli comodi.

E’ tutta una questione di centimetri: bisogna misurare la distanza tra suola e tacco poiché è proprio questa che determina la pendenza e, dunque, la comodità della scarpa.

Il peso infatti viene distribuito equamente su tutto il piede, dalla caviglia alla punta solo quando questa distanza non supera i 3 centimetri. Quando invece questa misura è inferiore ai 2,5 centimetri, si concentrerà il peso del corpo solo sulle dita e ci si ritroverà con crampi, contusioni, dolori ai piedi e alla schiena.