Squirting: come stimolare l’eiaculazione femminile

Lo squirting è la parola inglese che definisce l’eiaculazione femminile: ecco come fare a stimolare la donna e a fargliela raggiungere

chiudi

Caricamento Player...

Lo squirting ovvero l’eiaculazione femminile non è solo una fantasia o una leggenda ma esiste davvero: riuscire a raggiungerla non è così difficile ma è importante stimolare i punti giusti dell’organo genitale femminile per provare una sensazione di beatitudine e di piacere tale che sembra di perdere i sensi.

Cosa si deve fare per arrivare allo squirting?

Come prima cosa è importante avere molta fiducia nel proprio partner: in caso contrario sarà molto complicato riuscire ad arrivare all’orgasmo.

E’ importante stimolare il punto G ovvero quella che viene definita la prostata femminile: trovarlo è molto semplice, basta far eccitare la donna e al tatto si sente un leggero gonfiore, ecco quello è il punto G!

Poi bisogna stimolare in modo decisa l’interno della vagina, soprattutto la parte anteriore dove si trova l’uretra. Se la donna sente una sensazione simile a quella che prova quando le scappa l’urina vuol dire che si sta facendo un buon lavoro perchè in realtà sono le ghiandole di Skene che stanno lubrificando la vagina fino al raggiungimento dell’orgasmo.

Quando si svuotano del tutti esce un liquido biancastro e lattiginoso simile allo sperma maschile che è appunto l’eiaculazione femminile o meglio detto squirting.

Per le donne il piacere è una combinazione di sentimenti, sensazioni e cambiamenti fisiologici che hanno luogo all’interno della vagina.

Al momento dell’orgasmo, che sia clitorideo, vaginale o multiplo, si sentirà una tensione crescente che nel momento del “culmine” si libererà sfociando in rilassamento.

Dal punto di vista fisiologico si ha lo squirting quando si manifestano delle contrazioni ritmiche ed involontarie del muscolo pubococcigeo che circonda la vagina, che impediscono di trattenere il liquido.

Nonostante sia considerato una cosa imbarazzante, lo squirting è più intenso di un normale orgasmo ed ha a che fare con il famoso punto G.