La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha presentato il nuovo Ministero dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare, ma come mai questo nome?

Durante la presentazione del nuovo Governo, la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha svelato il cambio di denominazione di alcuni ministeri. Tra questi, uno che è suscitato enorme interesse è il nuovo Ministero dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare. Nato al posto del precedente Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, a incuriosire è il nome scelto per definirlo. Scopriamo allora tutto sul concetto di sovranità alimentare di cui tanto si parla in riferimento al ministero assegnato a Francesco Lollobrigida.

Cos’è la sovranità alimentare

insalata caprese bandiera italiana forma cuore
insalata caprese bandiera italiana forma cuore

Il concetto di sovranità alimentare rappresenta un modello di gestione delle risorse alimentari basato su alcuni fattori. Nello specifico, si basa su:

  • Sostenibilità
  • Rispetto dell’ambiente
  • Rispetto dei lavoratori
  • Principi di giustizia
  • Principi di autodeterminazione

La volontà è dunque quella di non puntare alla massimizzazione del profitto e alla conseguente mercificazione del cibo. Si cerca quindi di ridurre la distanza tra fornitori e consumatori anche in maniera di combattere gli sprechi. Tra gli obiettivi c’è anche quello di valorizzare le conoscenze tradizionali, le persone e i territori.

La decisione di Giorgia Meloni ricalca quanto già accaduto in Francia. Il Governo francese ha infatti deciso di chiamare l’omologo dicastero “Ministère de l’Agriculture et de la Souveraineté alimentaire”.

Quando è nata la sovranità alimentare?

Sono passati ormai 25 anni dalla prima volta in cui si è iniziato a parlare di sovranità alimentare. Nello specifico, il concetto è stato introdotto nel 1966 a Tlaxcala, in Messico, da Via Campesina. Questa organizzazione internazionale non governativa, composta da oltre 180 piccole e medie aziende di contadini delle aree rurali ha dunque fatto nascere il concetto. Da allora, questa si impegna allo scopo di ottenere un’agricoltura equa e sostenibile.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-10-2022


Dìa de los muertos: la festa messicana che celebra la vita attraverso la morte

Scoppia la Dahmer-mania: il travestimento va a ruba, ma gli e-commerce bloccano la vendita