Siti Unesco in Italia: l’orto botanico di Padova

A Padova si trova il primo orto botanico del mondo, realizzato nel 1545.

chiudi

Caricamento Player...

L’orto botanico di Padova conserva ancora oggi la sua struttura originale: una trama circolare centrale, che simboleggia il mondo, circondato da un anello d’acqua. Altri elementi sono stati aggiunti in seguito, alcuni architettonici (ingressi e balaustre ornamentali) e alcune pratici (installazioni di pompaggio e serre).

Siti Unesco in Italia: l’orto botanico di Padova

L’Orto Botanico di Padova è l’esempio più antico di questo tipo di bene culturale, dal 1997 Sito dell’Unesco. I giardini botanici hanno svolto un ruolo fondamentale nella storia delle conoscenze del mondo delle piante. L’Orto Botanico rappresenta la nascita della scienza botanica, degli scambi scientifici in materia, e della comprensione del rapporto tra natura e cultura. Il piano dell’Orto è un cerchio perfetto con un grande quadrato inscritto, suddiviso in quattro unità da percorsi ortogonali, orientato secondo le principali direzioni cardinali.

L’Orto Botanico di Padova ospita, inoltre, due importanti collezioni: la biblioteca che contiene più di 50.000 volumi e manoscritti di importanza storica e bibliografica e l’erbario, che è il secondo più esteso in Italia. Attualmente, ci sono oltre 6.000 specie, disposte secondo criteri sistematici, utilitaristici ed ecologico-ambientali. Questo sito ha dato un profondo contributo allo sviluppo di molte discipline scientifiche moderne, in particolare la botanica, la medicina, l’ecologia e la farmacia.

L’Orto ha rappresentato una fonte di ispirazione per molti altri giardini in Italia e in Europa e ha influenzato i loro progetti architettonici e funzionali e i loro approcci didattici e scientifici negli studi delle piante medicinali e delle discipline correlate. Fin dalla sua fondazione, è stato al centro di una vasta rete di relazioni internazionali, contribuendo alla diffusione dei vari aspetti delle piante e alla conservazione di specie vegetali.

Anche se alcuni elementi sono stati aggiunti negli anni, come gli ingressi ornamentali e le balaustre, l’Orto conserva in modo ottimale la sua struttura originale.

Fonte foto copertina: www.unesco.it