I primi sintomi che indicano una gravidanza in corso possono essere riconosciuti anche subito, ma variano da donna a donna. Vediamo come riconoscerli.

Ogni donna è diversa dalle altre e, dal punto di vista fisiologico, anche ogni gestazione è unica, per questo motivo c’è una grande variabilità dei sintomi in gravidanza. Innanzitutto occorre distinguere i sintomi tra quelli che possono suggerire l’inizio di una gravidanza e quelli che si verificano poi nei mesi successivi. Come vedremo, i primi sintomi della gravidanza sono i più variabili e non sempre sono facili da riconoscere.

Ci sono però una serie di cambiamenti, soprattutto ormonali, comuni tra tutte le donne che possono dare vita a dei sintomi distinguibili, vediamo quali sono e quando compaiono.

Primi sintomi della gravidanza: dopo quanto si presentano?

I primi sintomi gravidici possono variare molto e in alcuni casi iniziano a verificarsi anche nei primi giorni successivi al concepimento.

Donna Letto Nausea

Tra i sintomi iniziali sono presenti quelli che vengono definiti sintomi da nidazione, ovvero i segnali che suggeriscono che l’impianto dell’embrione è in corso.

Riconoscere una gravidanza in arrivo non è facile, e come vedremo molti sintomi possono trarre in inganno ed essere dei falsi indicatori. Tuttavia, le prime settimane sono fondamentali per riuscire ad identificare altri segni, oltre al ritardo mestruale, che possano suggerire una gravidanza in corso.

Quali sono i sintomi della gravidanza nella prima settimana e nelle successive?

Nei giorni che seguono il momento del concepimento, ci possono essere, anche se non in tutti i casi, dei sintomi caratteristici dovuti all’impianto dell’embrione nell’utero. Tra questi figurano i crampi nel basso ventre, una maggiore sensibilità al seno, e le perdite da impianto.

Tutti questi sintomi, che appaiono comunemente nei primi giorni, sono però molto simili a quanto può avvenire nella fase pre-mestruale. Per questo motivo è difficile distinguere i segnali che precedono l’arrivo delle mestruazioni dall’inizio vero e proprio della gravidanza.

Con il passare delle settimane altri sintomi si fanno via via più evidenti, tra questi c’è la comparsa della nausea, spesso accompagnata anche dall’olfatto alterato, ad esempio molti odori possono essere percepiti in maniera più forte e provocare anche fastidio.

Anche accusare improvvisa stanchezza e sensazione di sonnolenza è un fenomeno molto comune ed è dovuto ai cambiamenti ormonali. Via via che passano i giorni, inizia a farsi evidente anche il bisogno di fare pipì con una maggiore frequenza, anche se questo sintomo diventa poi davvero evidente nelle fasi più avanzate della gravidanza.

Scopro le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Fecondazione eterologa (ovodonazione): perché fatica a decollare in Italia?

Cos’è la beta hcg e qual è il suo significato in gravidanza