È stata chiamata sindrome PASC, l’insieme di conseguenze a livello cardiovascolare dell’infezione da Covid-19.

L’insieme di conseguenze scatenate dall’infezione da Covid, che inizialmente era stato indicata con un generico “long Covid”, adesso ha un nome ben preciso: sindrome PASC. Questo acronimo sta per “Sequele Post Acute da SARS-Cov-2”, vale a dire conseguenze post-acute dell’infezione. In particolare le conseguenze che rientrano in questa sindrome, sono quelle che interessano il sistema cardiovascolare, tra cui troviamo dolori al petto, alterazioni del battito, problemi respiratori e stanchezza. Vediamo quali sono i sintomi di questa sindrome e perché è importante non trascurare i rischi.

Cos’è la sindrome PASC

Finora avevamo sentito parlare di long Covid o di sindrome post-Covid, ma qualunque sia il nome con cui le si chiamino, è certo che le conseguenze dell’infezione non vadano sottovalutate perché possono interferire con la qualità delle vita. Dopo l’infezione, quindi, si genera una vera e propria nuova malattia che va ad interessare il sistema cardiovascolare.

Miocardite
Visita dal cardiologo

In alcuni casi “si individua una vera e propria patologica cardiovascolare“, in altri “sono presenti sintomi tipici come tachicardia, intolleranza all’esercizio, dolore toracico e mancanza di respiro“. Queste, come riporta Today, sono state le parole usate da Ciro Indolfi, presidente della SIC (Società Italiana di Cardiologia), per spiegare le conseguenze dell’infezione.

Quali sono le raccomandazioni della SIC

La Società Italiana di Cardiologia, raccomanda la consulenza da parte di un cardiologo per chi ha malattie cardiovascolari con nuovi sintomi, per chi ha avuto complicanze o risultati anormali nei test cardiaci. Come sottolineato da Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto SIC, è importante “non trascurare segni e sintomi cardiovascolari che compaiano e/o perdurino dopo 4 o più settimane dalla guarigione da Covid-19“. Aggiungendo anche che “il virus ha effetti negativi su cuore e vasi ed è essenziale individuare subito un’eventuale ‘sofferenza’ cardiovascolare per poter intervenire al meglio“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-03-2022


Dieta senza lattosio: cosa mangiare, senza dimenticare il calcio

Estratti di frutta e verdura al mattino: perché fanno bene?