Sharon Stone testimonial di “punturine” per migliorare la reputazione dei trattamenti estetici

Sharon Stone va contro le regole e diventa testimonial di un marchio di trattamenti estetici e ritocchini anti-età

chiudi

Caricamento Player...

Sharon Stone diventa testimonial di “punturine” effetto naturale: è questa la trovata del marchio Galderma, che sceglie una delle più belle dive di Hollywood per migliorare la reputazione dei ritocchini e delle punturine.

Leggi anche:Tisanoreica è la dieta più seguita dai vip, tra cui Sharon Stone

Tutte le donne, infatti, non vorrebbero mai ammettere di essere ricorse a trattamenti del genere, e invece Sharon Stone, che non teme giudizi,  lo fa, diventando addirittura testimonial.

Avere una pelle distesa e un fisico mozzafiato come Sharon Stone è il sogno di tutte, soprattutto apparire bella, ma in modo naturale, obiettivo difficile con ritocchini e punturine che rischiano di fare “effetto plastica”.

Sharon Stone fonte Galderma
Fonte: Galderma

Sharon Stone è la prima diva di fama mondiale a scegliere di fare da testimonial a un marchio che fa trattamenti di questo tipo. Galderma dal canto suo approfitta della fama dell’attrice per migliorare la reputazione dell’azienda e per dimostrare che i filler e gli Skinboosters (Restyline) permettono di ottenere risultati naturali.

“Sono entusiasta delle tecniche nuove e innovative di Galderma per garantire risultati naturali e felice di poter contribuire a migliorare la reputazione dei trattamenti estetici. È straordinario che l’incontro tra scienza e bellezza ci offra soluzioni così convincenti. Sono certa che tutti rimarranno colpiti dai risultati naturali che i filler e gli Skinboosters Restylane consentono di ottenere e che riveleremo a maggio in un evento Real Life”

Così Sharon Stone ha spiegato i motivi della sua collaborazione. Molte donne, infatti, sono restie a ricorrere a trattamenti di questo tipo per paura degli effetti troppo finti. In ogni caso, per essere sicuri di ottenere risultati realistici, è bene chiedere al massimo 5 anni in meno.