I pungenti commenti della blogger Selvaggia Lucarelli su Sanremo 2017: dai conduttori al vincitore del Festival

Selvaggia Lucarelli su Facebook commenta Sanremo 2017: la blogger scrive commenti pungenti sui conduttori e sul vincitore del Festival, Francesco Gabbani.

chiudi

Caricamento Player...

La famosa blogger Selvaggia Lucarelli ha seguito passo a passo il Festival di Sanremo 2017 e non ha risparmiato critiche sia sui conduttori che Francesco Gabbani, il vincitore del Festival che è riuscito a prevaricare sulla grande Fiorella Mannoia che in finale è arrivata seconda.

I commenti di Selvaggia Lucarelli sul Festival di Sanremo 2017

Quest’anno il duo di conduttori che ha condotto il 67esimo Festival della canzone italiana era formato da Carlo Conti e Maria De Filippi. La blogger ha commentato in modo velenoso:

La sfida finale sul palco dell’Ariston ha visto sfidarsi Fiorella Mannoia e Gabbani che è risultato il vincitore. Prima che venisse reso noto il vincitore la Selvaggia Lucarelli ha cinguettato:

Con la parola “scimmia” la blogger faceva riferimento al gorilla che affianca Gabbani nel balletto durante l’esecuzione del suo brano “Occidentali’s Karma”.

Proprio riguardo al vincitore Selvaggia Lucarelli ha scritto anche un lungo post:

“Ci sono un paio di cose sulla canzone di Gabbani che vanno dette. Prima delle critiche una premessa: “Io sono contenta che abbia vinto lui. La sua canzone è carina, di sicuro non ha i calci in culo di tanti che sono andati lì perché spinti da radio o da gente ‘che c’ha il progetto’, era comunque qualcosa di diverso rispetto alla media. Ha 34 anni, è un musicista e non un interprete come mille, è la sua occasione. Finita la premessa”. E poi le critiche. Gabbani non è un genio, è uno che ha scritto (con altre persone eh, mica da solo) una canzone carina e pure un furbetto. Anzi. Per essere precisi, il testo gliel’ha scritto il varesino Fabio Ilacqua, che in varie interviste dichiara apertamente di sognare di lavorare con Battiato. E in effetti, Occidentali’s Karma tocca lo stesso tema di Magic shop, canzone di Battiato (discipline orientali che diventano moda. Identico. E per carità, va benissimo, ma il genio dov’è?”.

Riguardo al fatto che Gabbani abbia portato sul palco una scimmia, la blogger commenta:

“Quando Gabbani nel 2015 registrava il suo precedente disco, ‘Amen’ (canzone con cui ha vinto lo scorso anno nella categoria Nuove Proposte, ndr) frequentava nello stesso periodo uno studio di registrazione milanese che stava frequentando anche un altro cantante che però in realtà è più designer che cantante, ovvero Lorenzo Palmeri. Lorenzo in quel periodo aveva realizzato il video di una sua canzone e collaborava con lo stesso fonico/batterista di Gabbani (Giordano Colombo) e lo stesso produttore di Gabbani (Patrizio Simonini). Nel video, vedi il caso, c’era una scimmia che ballava. Nella foto evento del lancio del video c’era Lorenzo accanto alla scimmia. Gabbani quel video l’aveva visto. Lo so eh, non lo deduco. Gli era stato mostrato. Evidentemente gli era piaciuto, perché poi quest’idea se l’è portata a Sanremo. (l’idea del video, non la canzone che non c’entra nulla)”.