Perché il riscatto della laurea non anticipa sempre la pensione: ecco in quale caso potrebbe non convenire.

Stai pensando di procedere al riscatto della laurea per poter andare in pensione prima? Attenzione: non sempre procedere con questo tipo di “investimento sul futuro” permette infatti di anticipare i tempi del proprio pensionamento. Esistono infatti alcuni casi in cui il riscatto non solo non porta ad andare in pensione prima, ma non consente nemmeno di arrivare ad avere un assegno più ricco. Proviamo a fare chiarezza: ecco quando riscattare il proprio titolo di studio potrebbe non convenire.

Riscatto della laurea: ecco quando non anticipa la pensione

Riscattare la laurea dovrebbe servire, in teoria, ad andare in pensione prima. Questa certezza arriva però solo a coloro i quali conseguono il titolo di studio e iniziano a lavorare entro il compimento dei 24 anni. Chi invece comincia la propria attività professionale oltre i 30 anni, non può anticipare in alcun modo la pensione. Gli altri, ovvero coloro che iniziano a lavorare nel lasso di tempo che va dai 24 ai 30 anni, possono invece ottenere dal riscatto della laurea un beneficio parziale.

cappello di laurea libri
cappello di laurea libri

In questo caso, infatti, salvo modifiche della legislazione, il riscatto non garantirebbe uno “sconto” sull’età pensionistica, ma potrebbe invece essere utile in caso di qualche possibile “buco” nel corso della propria carriera lavorativa.

A cosa serve il riscatto della laurea

Fermo restando, dunque, che solo in pochi casi riscattare la laurea permette di anticipare il momento della pensione, può comunque servire per aumentare il proprio assegno pensionistico. Anche in questo caso c’è bisogno di valutare però in maniera molto attenta la propria situazione, in quanto la convenienza dipende da molti fattori, tra cui la data di inizio del lavoro, lo stipendio, la continuità lavorativa, la stabilità delle regole pensionistiche e così via. In caso di dubbi, meglio chiedere a un esperto e calcolare sul sito dell’INPS il costo totale del riscatto del proprio titolo di studio.

Per diversificare il proprio investimento può essere comunque utile valutare di versare la cifra utile per il riscatto della laurea in una forma di previdenza integrativa, che possa aiutare a garantire un fondo pensionistico più consistente una volta terminato il proprio percorso lavorativo.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-09-2022


TeraPiù: l’app nata per migliorare la gestione della terapia

Google Maps, arrivano i percorsi ecosostenibili: così si risparmia il carburante