Quanto tempo tenere ittiolo su brufolo sottopelle

I brufoli sottopelle sono un problema che affligge molti

chiudi

Caricamento Player...

Il brufolo, infatti, tira e si gonfia, provocando dolore. L’ittiolo è utile in questo caso, ma quanto tempo tenere il prodotto? L’ittiolo si rivela utile anche in questo caso. Questo prodotto è vendibile in farmacia, senza alcuna ricetta medica. E’ un potente antibatterico e antisettico, che non solo allontana le infezioni, ma garantisce strato dopo strato la rigenerazione delle cellule della pelle. Questo prodotto consente al brufolo sottopelle di risalire ed emettere all’esterno l’eventuale pus o infezione presente nella zona sottocutanea, infatti, il suo utilizzo iniziale è quello di far riemergere le spine perse nella pelle. Ebbene innanzitutto ricordatevi di non toccare in alcun modo la zona interessata dal brufolo e soprattutto di non spremerla, specie quando si presenta fortemente arrossata, ma non risulta evidente alcun punto bianco. Lavate la zona arrossata per evitare l’accumulo di batteri. Immergete per ammorbidire, la zona in una bacinella di acqua calda con il sale. A questo punto cospargete la zona di ittiolo e coprite con una garza sterile( potete anche prima avvolgere la pelle con la pellicola, se volete intensificare l’effetto) e chiudetela. A questo punto lasciate agire. L’ittiolo va lasciato agire per almeno 10 minuti e per un massimo di un’ora. Dopo qualche ora riapplicate l’ittiolo nuovamente con lo stesso procedimento e ripetete fino a tre o quattro volte in totale. Questo metodo non ha effetti collaterali, basta semplicemente evitare di portare l’ittiolo a contatto con occhi e mucose, nell’eventualità risciacquate immediatamente con abbondante acqua fredda. L’unico effetto collaterale è il cattivo odore di catrame del prodotto. Se temete un’infezione o il brufolo si gonfia ancora di più, la cosa migliore è consultare un medico, perchè solo uno specialista può valutare l’eventualità di intervenire su di esso con un’incisione per consentire la fuoriuscita dell’infezione.