Che cos’è il microdermal piercing? Come si effettua e quanto dura questo elemento decorativo?

Il microdermal è un’evoluzione del piercing moderno. Si tratta infatti di un tipo di piercing che viene eseguito ancorando sottopelle una barretta a forma di L. Alla barretta si aggancia un gioiello che si può anche cambiare a piacimento, anche se si opta per la maggior parte per sensualissimi brillanti.

Il bello è che si può effettuare ovunque, su braccia, spalle, zigomi, gambe e schiena. L’innesto non dura più di 5 minuti e il centro specializzato che ve lo effettua in genere ci si auspica utilizzi titanio non magnetico, di modo da non provocare alcun tipo di reazione nei clienti.

Quanto dura? Quanto si vuole. Saremo noi a decidere quando rimuoverlo. A differenza dei piercing normali, però, si deve tenere sempre sotto controllo con impacchi, massaggi e lavaggi sotto il dischetto con soluzione salina almeno una volta al giorno. Si deve poi tenere un cerotto per tutta la prima settimana, sostituendolo ovviamente quotidianamente e dopo la pulizia.

Dobbiamo stare attenti ad asciugarlo per bene durante le prime 2 settimane con garza sterile, evitando sempre il contatto con saponi detergenti o bagnoschiuma – soprattutto se contenenti alcool.

Se si vuole togliere, è infine necessario l’intervento di uno specialista.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
piercing

ultimo aggiornamento: 19-01-2016


Cosa fare per rigetto Microdermal piercing

Quali sono le piante antismog