Proteggere la pelle dai raggi UV: ci pensa HappySun

Nel corso dei mesi estivi la salute della nostra pelle va incontro a potenziali pericoli dovuti all’eccesso di raggi UV ai quali viene esposta: si va dalle semplici scottature fino a malattie vere e proprie come il melanoma, il tumore della pelle che fa registrare più di 12.000 nuovi casi ogni anno.

chiudi

Caricamento Player...

Per prevenire questi inconvenienti bisogna dotarsi di strumenti che possano aiutarci a monitorare il livello delle radiazioni solari alle quali ci sottoponiamo e che possano guidarci verso una corretta esposizione. Tutte queste funzionalità sono racchiuse dentro un’app gratuita per smatphone e tablet, realizzata totalmente in Italia: stiamo parlando di HappySun, l’applicazione creata dall’azienda livornese Flyby.

HappySun è la prima app in grado di rilevare in tempo reale il livello dei raggi UV, grazie alle tecnologie satellitari che consentono al software di avere dati sempre aggiornati. Si può anche avere un programma di esposizione personalizzato che tenga conto del tipo di fototipo dell’utente, della superficie sulla quale ci si espone al sole e del tipo di crema protettiva che si utilizza.

schermata-iniziale

Ovviamente, come se fosse una sorta di “navigatore solare”, l’app effettua un ricalcolo quando ci sono delle variazioni d’intensità dei raggi: se c’è un aumento di raggi UV il tempo di esposizione diminuisce, mentre se le radiazioni diminuiscono il timer aumenta il numero di ore che si possono trascorrere al sole.

L’app fornisce inoltre numerosi consigli sulle “best practice” relative all’esposizione solare, all’alimentazione consigliata e agli indumenti che è preferibile usare per proteggersi al meglio dalle radiazioni nocive. Sono presenti poi dei grafici sull’evoluzione giornaliera dei raggi UV, che consentono di capire quali sono le ore migliori per esporsi al sole e quelle nelle quali è conveniente restare all’ombra.

Non viene tralasciato nemmeno l’aspetto social, con la possibilità di condividere su Facebook i propri dati relativi all’abbronzatura: i luoghi nei quali ci si è esposti e il numero di ore che si sono passate al sole. Un modo per tenersi in contatto con gli amici anche quando si è al sole e allo stesso tempo prendersi cura della propria pelle.