Tutte le caratteristiche di un ortaggio estremamente comune ma utilizzato molto poco nella cucina italiana

Proprietà delle barbabietole: molti Sali minerali, antiossidanti e vitamine per una radice conosciuta fin dall’antichità. Alcuni popoli ne consumavano tradizionalmente soltanto le foglie, di un bel colore verde intenso. I popoli del mediterraneo, tra cui i Romani, ne consumavano invece le radici tuberose. I piccoli frutti che si generano dai fiori bianchi o rossi della pianta invece non sono commestibili.

Quali sono i nutrienti presenti nelle barbabietole?

Nell’ampio pool di vitamine presenti in queste radici vi sono vitamine del gruppo B  tra cui spicca l’acido folico (vitamina B9) e la vitamina A.
La barbabietola contiene anche grandi quantità di sali minerali e di antiossidanti, nutrienti fondamentali per contrastare l’invecchiamento cellulare provocato dall’azione deleteria dei radicali liberi.

Proprietà delle barbabietole

Le vitamine del gruppo B sono fondamentali per il corretto funzionamento del sistema nervoso, per il mantenimento del tono muscolare dell’apparato gastrointestinale, per il corretto funzionamento delle cellule cutanee e di quelle dei capelli. Sono in grado anche di assicurare il corretto funzionamento del fegato ma, fondamentalmente, servono all’organismo per convertire i carboidrati assunti attraverso l’alimentazione in glucosio, per metabolizzare i lipidi e le proteine. La barbabietola rossa cruda (da consumare grattugiata in insalata, condita con succo di limone) contiene una quantità di acido folico maggiore rispetto a quella presente nella stessa quantità di barbabietola cotta.La vitamina A, presente soprattutto nelle foglie della barbabietola, serve al corretto funzionamento della retina, è indispensabile per la crescita delle ossa e per la puntuale funzionalità degli apparati riproduttivi maschili e femminili. Regola inoltre il corretto sviluppo dei diversi tessuti corporei a livello embrionale. Gli antiossidanti sono utili all’organismo per contenere l’azione dei radicali liberi, la cui diffusione nei tessuti velocizza l’invecchiamento e il decadimento cellulare.
L’altissima concentrazione di sali minerali rende la barbabietola un ottimo integratore naturale, in grado anche di contrastare l’anemia con il suo alto contenuto di ferro.

 


Come si usa il lievito madre?

Chi è Amedeo di Emigratis