Proprietà del cardamomo

Tutte le proprietà del cardamomo: la spezia orientale in grado di apportare notevoli benefici all’organismo.

chiudi

Caricamento Player...

Il cardamomo è una spezia originaria dell’India meridionale e del Nepal dove cresce in modo spontaneo. Grazie alle sue proprietà viene utilizzato da moltissimi anni nella medicina popolare cinese ed indiana. Il suo sapore è leggermente piccante e fruttato, ed è uno degli ingredienti della famosa spezia indiana chiamata curry. Scopriamo quali sono le proprietà del cardamomo e come sfruttarle al meglio.

Le proprietà del cardamomo spaziano dall’ambito curativo del mal di denti ai problemi di digestione e gonfiore addominale.

Il cardamomo vanta molteplici proprietà curative che interessano varie zone del corpo umano, tra cui quella di essere un ottimo rimedio naturale per la cura di mal di denti e infiammazioni gengivali. In India, vi è infatti l’usanza di masticare lentamente in bocca i semi di cardamomo per mantenere la salute dei denti e combattere l’alito cattivo. Valido alleato anche nel contrastare tosse e raffreddore grazie alla presenza di vitamina C. Inoltre, aiuta ad accellerare i processi di digestione dimostrandosi quindi utile per chi soffre di problemi di digestione e intestino irritabile. Il cardamomo può inoltre intervenire per calmare e risolvere il gonfiore intestinale, attenuando i sintomi di flatulenza. Inoltre, vanta proprietà antiossidanti in quanto ricco di vitamine, fitonutrienti e gli oli essenziali. Queste sostanze sono in grado di contrastare l’attività dei radicali liberi con diversi benefici sulla salute cardiovascolare e non solo.

Secondo recenti studi, pare che il cardamomo possa svolgere un ruolo importante in caso di problemi di ipertensione. Alcuni studi condotti alla King Saud University in Arabia Saudita sembrano dimostrare che l’assunzione di questa spezia sia in grado di abbassare il battito cardiaco e di agire positivamente sull’ipertensione. Questo sarebbe dunquenpossibile grazie all’abbondanza di potassio, un minerale presente nelle cellule e nei fluidi corporei.