I problemi di circolazione interessano in particolare le gambe, vediamo da quali sintomi sono caratterizzati e quali sono le possibili cause.

Quando si parla di problemi di circolazione e di insufficienza venosa, ci si riferisce in particolar modo alla cattiva circolazione degli arti inferiori. Queste problematiche tendono a interessare in particolar modo la popolazione femminile, infatti ad essere colpite sono le donne in rapporto 3 a 1 rispetto agli uomini. Oltre al sesso ci sono altri fattori di rischio che possono contribuire allo sviluppo del disturbo, vediamo di quali si tratta e quali sono i sintomi tipici.

Cattiva circolazione: le cause

I problemi di circolazione non derivano da un’unica causa scatenante, ma sono piuttosto il frutto di una serie di fattori di rischio. In primo luogo sono implicate le abitudini quotidiane di chi ne soffre, visto che il disturbo si fa più frequente in quelle che persone che passano molte ore in posizione eretta o in coloro che hanno uno stile di vita molto sedentario.

Gambe
Gambe

Gioca un ruolo importante anche l’ereditarietà e c’è quindi già una sorta di predisposizione anche allo sviluppo di vene varicose, nel caso in cui si siano già verificate in famiglia e in particolare che ne abbia sofferto uno dei genitori. A peggiorare il disturbo, inoltre, interviene anche la permanenza in ambienti caldi e umidi. Per questo motivo oltre a cercare di non restare troppo a lungo nella stessa posizione ed evitare la sedentarietà, si dovrebbe evitare il calore eccessivo. Queste accortezze valgono anche per la doccia e bisognerebbe, infatti, preferire una temperatura dell’acqua non troppo calda ed evitare anche i bagni caldi. Vediamo quali sono i principali sintomi e a che età tendono a comparire.

Problemi di circolazione: i sintomi

L’età gioca un ruolo importante nella comparsa dei primi segnali, con l’avanzare degli anni, infatti, la microcircolazione delle gambe tende a diminuire. I segni caratteristici della cattiva circolazione includono dilatazione dei capillari e comparsa delle cosiddette varici o vene varicose che talvolta sono precedute da ectasie venose. Si parla di ectasie quando le vene assumono un aspetto tortuoso e tendono ad essere più dilatate del normale. A queste manifestazioni si aggiungono anche sintomi più generici come avvertire le gambe pesanti e un gonfiore moderato agli arti, soprattutto dopo essere stati a lungo in piedi.

ultimo aggiornamento: 11-08-2021


Sindrome di Stoccolma, cos’è: i sintomi del disturbo del carceriere

Erbe aromatiche, quali sono e come si usano: gli abbinamenti giusti