Prezzo pillola anticoncezionale Klaira

Klaira è una pillola anticoncezionale combinata, che agisce attraverso l’interazione di due ormoni. Ecco a quale prezzo è venduta la confezione…

chiudi

Caricamento Player...

Klaira è una pillola contraccettiva a base di Estradiolo e Dienogest. Oltre che per la prevenzione delle gravidanze indesiderate viene utilizzata anche per il trattamento dei flussi mestruali abbondanti. La sua innovazione sta nel utilizzo dell’estradiolo, estrogeno identico a quello che viene prodotto dal corpo femminile, e di origine naturale.

Pillola anticoncezionale Klaira: prezzo

Ogni confezione contiene 28 compresse, 26 colorate e 2 bianche. Le prime contengono i principi attivi estradiolo valerato o estradiolo valerato combinato con dienogest, invece quelle bianche, dette “inattive”, non contengono principi attivi.

Il prezzo di vendita del farmaco è indicativamente di 17,80 €.

Questo medicinale è reperibile in tutti i paesi facenti parte dello Stato Economico Europeo, per ottenerlo basta recarsi in farmacia muniti della ricetta rilasciata dal vostro medico di base o dal ginecologo.

Pillola Klaira: effetti collaterali

Anche se questa pillola sembra essere la pioniera di una nuova era di anticoncezionali naturali più amici delle donne, prima di prenderla bisogna sottoporsi ai controlli di rito (visita ginecologica ed esami del sangue). Gli effetti collaterali che porta sono uguali a quelli di tutte le altre pillole anticoncezionali.

Tra i più comuni ci sono: cefalea, nausea, mal di testa, acne, dolori addominali, aumento di peso e mestruazioni irregolari o dolorose.

Ci sono invece altri effetti che si manifestano più raramente come: infezioni vaginali, depressione, emicrania, vomito, diarrea, pressione alta e vampate di calore.

Tra 1 e 10 donne su un campione di 10.000 sono stati riscontrati: ritenzione idrica, ansia, aggressività, disturbi del sonno, incubi, formicolio, vertigini, palpitazioni e coaguli sanguigni nelle vene o nelle arterie.

È quindi importante prima di prendere Klaira consultare il medico di famiglia o il ginecologo, che dopo attenta visita o esami proporrà la soluzione migliore in base alla situazione del paziente.