Oggi è stata nominata la nuova Capitale della Cultura Italiana, un grande orgoglio e giubilo per la Regione Marche.

La città marchigiana di Pesaro ha vinto il titolo di Capitale della Cultura Italiana 2024, concorrendo con altre 9 città italiane candidate.

L’annuncio è stato fatto dal Ministro della Cultura Dario Franceschini, che ha svelato le motivazioni della scelta: “La città di Pesaro offre al Paese una eccellente candidatura basata su un progetto culturale che, valorizzando un territorio già straordinariamente ricco di testimonianze storiche e preziosità paesaggistico-ambientali, propone azioni concrete attraverso le quali favorire anche l’integrazione, l’innovazione, lo sviluppo socio-economico”

Nel documento rilasciato dalla giuria, leggiamo anche: “L’enfasi data al valore della cittadinanza come riconoscimento e come pratica attraverso concreti esercizi, oggi più che mai, afferma una direzione che può generare contributi per altre esperienze future. Lo sforzo di coinvolgimento delle giovani generazioni in un programma impegnativo appare particolarmente interessante alla luce delle sfide che l’incertezza dei tempi propone”

Oltre a Pesaro, avevano presentato la loro candidatura la marchigiana Ascoli Piceno, ritenuta fino all’ultimo una delle favorite, Chioggia (VE), Grosseto, Mesagne (BR), Sestri Levante con il Tigullio (GE), Siracusa, Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento (SA), Viareggio (LU) e Vicenza. Grazie alla vittoria ottenuta dalla città, Pesaro rimarrà Capitale italiana della Cultura per tutta la durata del 2024 e riceverà sovvenzioni pari a un milione di euro per le attività legate all’evento.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-03-2022


Ucraina: vittima dell’attacco a Mariupol, morta con il suo bambino

La giornalista Marina Oysyannikova contro la guerra: la sua situazione