Parrucche Balmain saranno la nuova tendenza hair

Le Parrucche Balmain saranno in grado di donare un tocco davvero particolare alla testa di tutte quelle donne che amano apparire originali

chiudi

Caricamento Player...

Le nuove parrucche Balmain che il brand ha lanciato sul mercato saranno in grado di rivoluzionare la testa di tutte le donne: per ora nel web store ufficiale, non sono ancora comparse ma in compenso il marchio vanta una distribuzione di rivenditori a Parigi, Berlino, Hong Kong e Amsterdam dove possiede un corner all’interno di uno shop. Davvero un trend con nuove esuberanti proposte di stile: al momento la linea per capelli del brand è venduta in oltre 5.000 saloni in tutto il mondo. All’interno dell’Atelier Balmain Hair Couture, una boutique situata a Parigi, sarà possibile presentarsi solo tramite appuntamento: il famoso marchio riesce sempre a far parlare di se, grazie alle sue trovate davvero originali ed esuberanti che conquistano in modo sorprendente tutto il pubblico.

La nuova moda delle parrucche Balmain

Quando Kendall Jenner e Gigi Hadid hanno aperto le sfilate autunno inverno 2016 del famoso brand con i capelli di colore diverso, il pubblico è indubbiamente rimasto ad occhi aperti.

Sarà stata sicuramente la reazione che Olivier Rousteing si aspettava per il lancio delle parrucche Balmain sotto la direzione dell’amministratore Delegato Steward Guliker.

”Quando la gente acquista una capigliatura posticcia, vuole sentirla al tatto, annusarla, capire come può “vestirla”. Con una parrucca si cambia look istantaneamente, quindi è un acquisto impegnativo ma che entra subito nel cuore del consumatore.

È un mercato che funziona. Perché già vediamo tutti i giorni nel nostro business come si cambia aspetto solo con il colore del lipstick, pare abbia commentato Steward, da quello che riporta www.bluewin.ch.

Cambiare capigliatura ha sicuramente un effetto shock e forse è proprio questo che piace alle persone: non resta altro da fare che vedere queste fantastiche parrucche Balmain

Fonte copertina: Facebook