Oysho primavera estate 2016

La linea intimo Oysho primavera estate 2016 all’insegna del colore, raffinatezza e sensualità.

chiudi

Caricamento Player...

I nuovi reggiseni Oysho primavera estate 2016 sono ispirati ai colori della natura e alle calde nuance estive che per questa stagione brillano dal giallo acceso al rosa pastello. Una velata sensualità è regalata dai meravigliosi reggiseni in pizzo geometrico e a righe dalle calde nuance del blu notte, bianco perlato e splendide fantasie floreali che riprendono il candore di profumati prati roseati e le tonalità del blu marino. Un magnifico gioco cromatico catturato in una collezione Oysho primavera estate 2016 che vi farà venir voglia di provarli tutti non solo per le meravigliose fantasie, accostamenti di colore e ricercatezza nel dettaglio, ma anche per delicata vestibilità e adattabilità al corpo.Ricercatezza nel dettaglio e linee morbide e seducenti per Oysho primavera estate 2016

Ricercatezza nel dettaglio e linee morbide e seducenti per Oysho primavera estate 2016.

La linea di costumi è un’esplosione di colori raffinati e alla moda che si esprime al meglio nei trikini, bikini e vestiti a stampe. Splendide stampe floreali e nuance calde invadono lunghi abiti da mare e da passeggio per sentire addosso il profumo del mare e della natura. Oysho dedica la linea primavera estate anche all’intramontabile nuance del bianco proponendo candide tuniche, pantaloncini corti e magliette crochet e bikini ricamati.

Gli accessori sono quel tocco in più, il must have per completare un look Oysho primavera estate 2016 impeccabile. Con la sua linea di borse in rafia dipinta, frangia e paillette e borse a fiori, il vostro look risulterà curato, alla moda e ultra glam. Per essere perfetta anche in spiaggia sfoggiate le meravigliose borse mare stile mariniere bianco e blu o il modello color panna effetto macramè.  Infine, completate la vostra mise estiva con i meravigliosi cappelli crochet o macramè o se preferite con fiocco o nastro per un look estremamente femminile e seducente.

 

Fonte immagine copertina: Twitter