Una maestra di 59 anni di una scuola dell’infanzia nel Monzese è stata sospesa dopo essere stata scoperta a maltrattare e malmenare i suoi alunni.

“Ti stacco la testa”, “bestia”, “oca”, “beduini”, e “vi taglio le mani”. Sono solo alcune delle brutali espressioni registrate dalle telecamere e microfoni nascoste dagli inquirenti. Se un bimbo si attardava a eseguire un ordine, rispondeva o deludeva le aspettative della maestra, la risposta della donna non si faceva attendere. Calci e pugni, insulti e strattoni alle braccia o ai vestiti. Le segnalazioni alle forze dell’ordine erano arrivate da parte di alcuni genitori, preoccupati dai comportamenti dei figli, che erano spaventati e traumatizzati. Ora l’orrenda verità, che fa emergere la violenza della maestra 59enne.

Secondo l’indagine dei carabinieri, infatti, le botte e gli insulti che la maestra riservava ai suoi 17 alunni (di età compresa tra i 3 e i 5 anni e di cui uno disabile) erano all’ordine del giorno. Ora, dopo essere stata allontanata dall’intervento delle forze dell’ordine, la donna dovrà rispondere delle gravi accuse in Tribunale.

ultimo aggiornamento: 15-09-2021


Altro femminicidio, uccisa una donna dal marito in Calabria

Il riscatto delle donne afghane: il cambiamento arriva dopo 20 anni