Michele Bravi: patteggiamento incidente, accusato di omicidio stradale

Michele Bravi chiede il patteggiamento: “È distrutto”

Michele Bravi ha chiesto il patteggiamento. Il cantante è accusato di omicidio stradale, i fatti risalgono al 22 novembre 2018, quando ha perso la vita una donna di 58 anni.

Rinviata all’11 marzo prossima la decisione per il patteggiamento di Michele Bravi. Il cantante, che solo pochi giorni fa è stato ospite nel salotto di Verissimo e ha raccontato alla conduttrice Silvia Toffanin del suo periodo buio dopo l’incidente. Bravi, accusato di omicidio stradale, ha chiesto di patteggiare un anno e mezzo per l’incidente che l’ha visto coinvolto. I fatti risalgono al 22 novembre del 2018. La decisione, però, è stata rinviata dal giudice Aurelio Barazzetta.

Michele Bravi: chiesto il patteggiamento

Il cantante Michele Bravi ha chiesto di patteggiare per la condanna di omicidio stradale in cui ha perso la vita una donna di 58 anni. Questa mattina, in udienza, si è presentata l’Associazione familiari vittima della strada che ha chiesto di potersi costituire come parte civile.

Ma non è tutto perché il legale di Michele Bravi, ha affermato di non conoscere l’ammontare del risarcimento dal momento che sono dati riservati. La somma, inoltre, sembra essere stata pagata dalla compagnia di assicurazione.

Michele Bravi
Fonte foto: https://www.instagram.com/michelebravi/

Il legale di Bravi: “Michele è distrutto”

Da quel fatidico giorno la vita di Michele Bravi è completamente cambiata. Il cantante, infatti, ha ammesso di essersi rintanato in un grande silenzio per diversi mesi, da cui è riuscito a uscire solo grazie alla musica. Anche il suo legale ha ammesso che questo, per il cantante, non è affatto un bel momento:

“Sta vivendo male, anche Michele è una vittima di questo procedimento penale perché è un reato che può capitare a chiunque. Potete comprendere il suo stato d’animo: è distrutto. [..] Michele gli ha scritto una lettera due, tre mesi dopo il fatto per dirgli del suo dolore, per mostrargli la sua vicinanza e il vuoto che porta con sé”.

ultimo aggiornamento: 24-01-2020

X