Il cantante emoziona il pubblico con un monologo di apertura sull’importanza dell’ascolto, riferendosi velatamente anche al conflitto in Ucraina.

Michele Bravi apre con un discorso molto toccante, la puntata de Le Iene. Il suo monologo si sofferma sull’importanza dell’ascolto nei rapporti, la cui mancanza può generare conflitti, incomprensioni e, in senso più ampio, la guerra. Il riferimento al momento storico che si sta vivendo con l’invasione dell’Ucraina è sicuramente un tassello delle sue parole.

Il monologo di Michele Bravi

Come riporta Fan Page, ecco il monologo di Michele Bravi a Le Iene: “Quando ero bambino mi capitava di perdere la voce. Per questo ero molto silenzioso. Un giorno a caso incontrai una signora che mi disse ‘Tu perdi spesso la voce perché quando parli non ti senti ascoltato’. Io lavoro con la voce, sono un cantautore. Mi viene naturale trasformare le parole in canzoni, tutti ingenuamente vogliamo essere ascoltati. Tutti abbiamo bisogno che la nostra voce venga ascoltata. Quando ascoltiamo con l’intento di capire, scopriamo l’umanità di una persona. La mancanza di ascolto è pericolosa, è conflitto, è guerra. Eppure l’ascolto è contagioso, ci fa capire che anche siamo diversi, siamo così simili. L’ascolto rompe le catene dei conflitti. Possiamo anche costruire una nuova realtà, quella dell’ascolto, un dono specifico del genere umano. Esiste una ragione se abbiamo due orecchie e una sola bocca. Dovremmo ascoltare di più e parlare di meno.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Le Iene

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-03-2022


Doc – Nelle tue mani 2: le anticipazioni della settima puntata

Anticipazioni Uomini e Donne puntata 10 marzo: Matteo Ranieri spiazza tutti